Coronavirus, gli aggiornamenti di giovedì 26 marzo: Carate Brianza, Usmate, Muggiò, Bellusco, Cesano Maderno, sale il numero delle vittime; Fontana preoccupato per i numeri odierni
Comune di Muggiò

Coronavirus, gli aggiornamenti di giovedì 26 marzo: Carate Brianza, Usmate, Muggiò, Bellusco, Cesano Maderno, sale il numero delle vittime; Fontana preoccupato per i numeri odierni

Ora per ora, gli aggiornamenti sull’epidemia di Covid 19 nel territorio di Monza e Brianza per giovedì 26 marzo 2020.

Ora per ora, gli aggiornamenti sull’epidemia di Covid 19 nel territorio di Monza e Brianza per giovedì 26 marzo 2020.

Ore 22.30 La Federazione italiana pallacanestro ha dichiarato finiti tutti i campionati regionali, giovanili e senior, maschili e femminili, “per preservare la salute degli atleti nell’ambito dell’emergenza coronavirus”. LEGGI la notizia (VAI)

Ore 21 «Attualmente i casi positivi al tampone sono 27, di cui abbiamo avuto purtroppo 6 decessi. Tra l’altro le persone che sono mancate sono estremamente conosciute nella nostra città. Questo ci fa capire quanto grave sia questa situazione e un altro dato che ce lo fa capire è il numero delle persone in sorveglianza attiva. Perchè sono diverse decine. Sono tante, sono proprio tante». Lo ha detto il sindaco di Besana in Brianza, Emanuele Pozzoli.

Ore 19.30 Il Ministero dell’Interno ha aggiornato il modulo per l’autodichiarazione per certificare gli spostamenti dal proprio domicilio dopo le disposizioni del 25 marzo. Il nuovo modulo riporta le dichiarazioni di essere a conoscenza delle ulteriori limitazioni regionali e delle nuove sanzioni. Scaricalo e stampalo QUI (VAI)

Ore 19 «È un momento triste per il nostro Comune: nelle scorse ore, abbiamo registrato il secondo decesso di un concittadino contagiato da Covid-19. A nome mio e di tutta la cittadinanza di Usmate Velate, esprimo vicinanza ai familiari e rivolgo loro le più sentite e sincere condoglianze». Lo dice il sindaco di Usmate Velate Lisa Mandelli che aggiorna il numero dei residenti positivi a 14 e 24 persone in sorveglianza attiva.

Ore 18.30 Numeri in crescita nell’aggiornamento quotidiano di Regione Lombardia: aumenta il numero dei tamponi effettuati e anche quello dei positivi, che in totale sono 34.889 (+2.543), 1.750 a Monza e Brianza (+163). LEGGI la notizia (VAI)

Ore 17.30 Monza protagonista sulla televisione di Stato svedese nei giorni dell’emergenza coronavirus grazie a un servizio che ha raccontato il reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Gerardo, con i nuovi posti da poco realizzati. LEGGI la notizia (VAI)

Ore 16.30 Sono 4 le persone decedute a Carate Brianza per le conseguenze della positività al Coronavirus. Lo comunica il sindaco Luca Veggian: «Cari Concittadini, i dati di ATS che riguardano il nostro amato Comune riportano purtroppo 4 vittime risultate positive al contagio da Covid-19. Quattro caratesi non ci sono più. Quattro amici che ci hanno tristemente lasciato in questa battaglia contro questa terribile epidemia. Sono notizie che colpiscono l’intera Comunità, ma soprattutto le loro famiglie e i loro affetti più cari a cui rivolgo la mia più sentita vicinanza» .

Ore 16 L’aggiornamento quotidiano di Regione Lombardia con il presidente Attilio Fontana e gli assessori Giulio Gallera e Davide Caparini è in programma alle 17.30. Oltre che sui canali istituzionali è possibile seguirla su www.ilcittadinomb.it.

Ore 15 Aggiornamenti da Giussano dicono di “26 contagiati di cui 4 guariti e tre deceduti”. Prima vittima a Misinto, lo comunica il sindaco Matteo Piuri: in paese ci sono quattro casi positivi, tre ricoverati in ospedale. Quindici casi ufficiali in sorveglianza attiva, tra cui il primo positivo ricoverato la settimana scorsa e tornato a casa.

Sesta vittima a Paderno Dugnano: «Anche oggi, purtroppo, abbiamo dovuto registrare il decesso di un altro nostro concittadino risultato positivo al Coronavirus. I casi accertati nella nostra città, dall’incrocio dei dati estrapolati dalla piattaforma ATS con le verifiche anagrafiche svolte, sono arrivati a 80, comprensivi dei 6 decessi registrati», fa sapere il sindaco Ezio Casati.

Ore 14.15 L’aggiornamento del sindaco Giulio Redaelli di Albiate: «I casi positivi al coronavirus salgono a 11, 8 cittadini sono in sorveglianza attiva.

Ore 14 In un aggiornamento a metà giornata il presidente della Regione Attilio Fontana si è detto preoccupato per i dati odierni, che mostrerebbero un aumento: «Oggi purtroppo non sono molto belle notizie: il numero dei contagi è aumentato un po’ troppo rispetto alla linea dei giorni scorsi. Speravamo non accadesse e ora dovremo valutare e capire se è un fatto eccezionale dovuto a un episodio particolare o se il trend dell’aumento ricomincia. Questo sarebbe imbarazzante. Siamo sui 2.500 nuovi contagi».

Ore 13.30 Sono 20 i medici di medicina generale di Monza e Brianza ancora in sorveglianza attiva, 41 quelli usciti dalla sorveglianza, 5 i positivi al Covid -19 e 2 i ricoverati per coronavirus. Le nuove Usca e le direttive di Regione Lombardia. LEGGI la notizia (VAI)

Ore 13 «Care concittadine e concittadini, un breve aggiornamento che ci arriva da ATS di Monza e Brianza in merito alla diffusione del COVID-19 sul nostro territorio. Ad oggi sono stati accertati 24 casi di positività. Di queste 24 persone, 17 sono ricoverate in ospedale e 7 hanno purtroppo perso la vita. I cittadini/e sottoposti a sorveglianza attiva sono 27. I dati della nostra città sono in linea con quelli della Provincia di Monza e della Brianza che ha visto un notevole incremento nell’ultima settimana». Lo dice il sindaco di Cornate d’Adda Giuseppe Felice Colombo. A Inizio settimana a Cornate è mancato l’assessore Luca Gerlinzani.

Ore 12.45 «A Desio 67 positivi, un dato che comprende le tre persone che sono decedute, e una serie di persone che sono in quarantena che stiamo contattando». Lo dice il sindaco Roberto Corti. Che ha ricordato anche il numero unico 0362 3921 a cui i desiani si possono rivolgere per avere informazioni. La mail [email protected] è dedicata alle persone in sorveglianza per mettersi in contatto col comune.

Ore 12.30 Giovanni Maggioni a Monza era “Magiùn legnamè” e ha lavorato nelle case di mezza città. Lo racconta la figlia: se ne è andato a 84 anni per le conseguenza della positività al coronavirus. «Ricordate mio papà che amava stare con le persone». LEGGI la notizia (VAI)

Ore 12 «Secondo gli esperti dovrebbero iniziare a vedersi gli effetti delle misure anti-contagio tra qualche giorno. Questo è l’auspicio, la nostra speranza. Teniamo conto che fino alla notte in cui ci fu la la famosa ’fuga di Milano’ la gente non si era resa conto che stava iniziando, anzi che eravamo già nel pieno di una guerra, continuava a vivere come prove e non aveva modificato il proprio stile di vita. Dopo si capì che bisognava prestare attenzione». Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, in collegamento con Uno Mattina. «Purtroppo io dico che se avessimo iniziato fin da subito con delle misure drastiche, magari spaventando un po’ la gente ma rendendola cosciente di ciò che stava succedendo, forse saremmo arrivati prima», ha concluso. Misure che in ragione della salute dei cittadini la Regione avrebbe potuto prendere in autonomia,

Ore 11 Segnalazione di illecito per Monza Soccorso e la protezione civile che sta realizzando protezioni per il viso da distribuire gratuitamente a volontari delle associazioni. Lo segnala Luca Villa, coordinatore di Monza Soccorso, con un posto su facebook: «... un nefando personaggio che non ha neanche le palle di firmarsi, denuncia la mia idea delittuosa di realizzare delle protezioni per il viso... infangando non solo il nome di un mio caro amico e collega ma anche il lavoro di tanti Volontari di Protezione Civile e CRI (...) oggi abbiamo realizzato 5.185 protezioni per il viso che domani distribuiremo gratuitamente»

Ore 10.45 Sale a cinque il numero delle vittime a Bellusco comunicate ufficialmente da Ats tramite Prefettura (undici con i decessi registrati nel centro per anziani Maria Bambina): «A Bellusco ci sono 22 casi positivi, di cui cinque purtroppo deceduti, tre in questi ultimi giorni. L’età dei contagiati si sta abbassando, non sono solo persone anziane, ma anche sotto i 65 anni. Ci sono molti più cittadini in sorveglianza attiva in casa, o ricoverati, perché entrati in contatto con i casi positivi o in fase di verifica. La situazione più complessa riguarda i cittadini a casa con forme virali non diagnosticate come Covid-19 tramite tampone, che stanno ricevendo assistenza dai medici di base: ho sollecitato assieme a tutti gli altri sindaci Ats perché si attivi al più presto nel fronteggiare anche questi cittadini in difficoltà con servizi specifici», fa sapere il sindaco Mauro Colombo.

Ore 10.30 Aggiornamento: a Roncello il bollettino comunicato dal sindaco Cristian Pulici dice 11persone positive e 31 in sorveglianza attiva. A Biassono le persone positive sono salite a 18.

Ore 10.15 «La lista di questa sera ci dice che i positivi confermati salgono a 61 (con 86 persone in sorveglianza attiva): solo due in più rispetto a ieri, la crescita più lenta da diversi giorni». Lo dice il sindaco Alberto Rossi nell’aggiornamento serale sulla situazione a Seregno. Il sindaco ha annunciato il differimento della scadenza dell’imposta comunale sulla pubblicità, prevista al 31 marzo, al 31 luglio per chi paga in rata unica (1.549 euro), mentre per chi paga ratealmente le scadenze sono 31 luglio. 30 novembre e 30 dicembre. A breve dovrebbe avvenire lo stesso per la Cosap.

Ore 10 L’aggiornamento più tragico mercoledì sera è arrivato da Muggiò: il sindaco Maria Fiorito ha comunicato la morte di altri due cittadini per un totale di 10 vittime in città dall’inizio dell’emergenza.
«La comunicazione ufficiale arrivata oggi ci restituisce forse la speranza che le misure prese stiano cominciando a dare i loro frutti, anche se i numeri restano in aumento: sono 45 i casi di cittadini positivi al Covid-19 e 43 le persone in sorveglianza attiva. Purtroppo, tragicamente, ci arriva anche la notizia di altri due decessi, che porta a dieci il conto dei nostri concittadini che sono “andati avanti”, come dicono gli Alpini. A tutte queste famiglie va il nostro abbraccio», ha scritto il sindaco.
Tre vittime a Cesano Maderno (sei in totale): «Dobbiamo comunicarvi che purtroppo oggi sono mancati altri tre nostri concittadini. Una signora di soli 50 anni, un signore di 58 ed una signora di 86. Tutti erano ricoverati presso strutture ospedaliere della nostra zona ed erano risultati positivi al tampone». L’uomo di 58 anni era il primo cesanese ricoverato per positività al Coronavirus.
«In effetti nei numeri così freddi sui contagi e sull’andamento della situazione stasera registriamo un segnale positivo: non ci sono nella nostra città nuovi casi di contagio, le persone positive sono ferme a 31. Un piccolo raggio di luce che speriamo sia confermato nei prossimi giorni. Le persone che si trovano per motivi vari in quarantena sono attualmente 77».
Il sindaco Davide Fumagalli ha comunicato la morte di una persona Cavenago di Brianza (25 contagi sul nostro territorio)
Una vittima anche anche a Caponago, comunicata dal sindaco Monica Buzzini: «La mail ricevuta dalla Prefettura di questa sera non ha cambiato troppo i numeri rispetto a ieri se non un leggero aumento dei casi in sorveglianza e, purtroppo, una perdita di cui ho saputo direttamente ( Ats non li comunica a me)».


© RIPRODUZIONE RISERVATA