Monza, torna “Parole aperte sul palco”: l’X-Factor letterario cerca autori
Monza Monza Book fest: la premiazione di Federica Motta con Morgan e Dario Lessa (Foto by Fabrizio Radaelli)

Monza, torna “Parole aperte sul palco”: l’X-Factor letterario cerca autori

Parte il 22 ottobre la gara tra scrittori “Parole aperte sul palco”: in palio la pubblicazione di un libro e di un racconto sul Cittadino. L’associazione culturale Hemingway & Co vara per il secondo anno il concorso con 30 concorrenti al via.

Partono in trenta, ne arriveranno due al traguardo. In palio la pubblicazione del proprio libro con l’editore Ananke Lab e, con una seconda votazione online a colpi di like, la pubblicazione di un proprio racconto sul Cittadino. Di che si parla? Della seconda edizione di “Parole aperte sul palco”, il concorso che va a caccia di nuovi talenti letterari.

L’anno scorso vinse Federica Motta e fu premiata da Morgan al Monza Book Fest; quest’anno l’“X-Factor letterario”, organizzato dall’associazione culturale Hemingway & Co, parte domenica 22 ottobre e chiama alla sfida trenta autori che si sono iscritti alla gara. Il primo test è sul palco del Nadamas di Monza (via Raiberti, 11), luogo dove si è svolta la precedente edizione. Via via procederanno le varie fasi eliminatorie fino arrivare alla finalissima di maggio al teatro Binario 7 di Monza dove verrà decretato il vincitore.

I trenta concorrenti si daranno battaglia, leggendo i propri scritti, in dieci puntate aperte al pubblico e dovranno convincere della bontà della loro proposta quattro giurati fissi, più ulteriori giurati special guest e il pubblico. Il primo classificato firmerà un contratto editoriale con la casa editrice torinese Ananke Lab che si farà carico della pubblicazione del libro.

A ogni puntata si aggiungerà un giurato ospite alla giuria dei quattro composta da: Diana de Marsanich (giornalista), Massimiliano Rossin (giornalista), Paolo Piffer (consigliere comunale a Monza) ed Edy Tassi (scrittrice).

A presentare le puntate l’organizzatore dell’evento e scrittore Dario Lessa. In questa edizione, che promette di regalare più di una sorpresa, giurati extra del mondo del giornalismo, dell’editoria e dello spettacolo si aggiungeranno di puntata in puntata. Tra i nomi: Silvana Fallisi, Elisabetta Bucciarelli, Loredana Limone, Francesco Vecchi, Corrado Accordino, Lorenzo Monguzzi, Roberto Ritondale, Anna Nuzzi, Massimiliano Longo (per la finale Dario Allevi e Morgan).

Ma non solo: quando i finalisti saranno scelti il Cittadino, media partner della sfida, proporrà un secondo concorso tra gli otto per scegliere un altro vincitore tra chi si contenderà la finale. Il vincitore - i dettagli saranno resi pubblici nei prossimi mesi - vincerà la pubblicazione di un racconto sulle pagine del Cittadino al termine della finale. In palio, un’altra pubblicazione: un racconto lungo, a puntante, sulle pagine del Cittadino stesso in estate, come gli antichi feuilleton. Quelli che hanno reso celebri, tra gli altri Dostoevskji e Dickens.

La notte ha regalato all’organizzatore la voglia di dare vita a questa competizione: «Tutto nasce da una di quelle idee notturne - afferma infatti Dario Lessa, presidente dell’associazione Hemingway & Co e organizzatore dell’evento con Valentina Casati e Massimo Bertarelli - e in un mese abbiamo messo in piedi il progetto. La prima edizione è stata un successo. L’idea è di dare concrete possibilità ad aspiranti scrittori che hanno voglia di mettersi in gioco e divertirsi. Il voto della giuria è fondamentale, ma vota anche il pubblico in sala. Chi sale sul palco si gioca le sue carte in pochi minuti di reading. Una chitarra affiancherà le letture con un sottofondo musicale».

Le iscrizioni sono ancora aperte: basta scrivere a associazionehemingway(at)gmail.com.


© RIPRODUZIONE RISERVATA