La nuova storia del tennis a Monza: aggiudicato il bando, il centro aprirà a tutti
Il tennis a Monza (Foto by FABRIZIO RADAELLI)

La nuova storia del tennis a Monza: aggiudicato il bando, il centro aprirà a tutti

Si chiamerà “Tennis Monza” o “Monza Tennis”. La nuova storia dell’ex circolo del Tennis Monza riparte da ottobre con la riapertura della scuola per i giovani allievi. Dopo tre aste andate deserte, aggiudicato il bando di gara. Il centro aprirà a tutti.

Si chiamerà “Tennis Monza” o “Monza Tennis”. La nuova storia dell’ex circolo del Tennis Monza riparte da ottobre con la riapertura della scuola per i giovani allievi. Dopo tre aste andate deserte il bando di gara promosso dal Consorzio della Reggia di Monza è stato aggiudicato e la scorsa settimana c’è stata la consegna delle chiavi dai vecchi ai nuovi gestori.

Ad aggiudicarsi la struttura che conta 8 campi, una club house a ridosso dei giardini reali è la società “Centro sportivo Villa Reale” che vede protagonisti Carlo Colombo, giocatore appassionato e imprenditore insieme al maestro cubano Duvier Medina, ex nazionale e gestore del Circolo tennis di Villasanta e un imprenditore di Villasanta.

La nuova società si è aggiudicato l’impianto con un canone d’affitto di 40 400 euro all’anno per 14 anni, a fronte di circa 700 mila euro di opere di ristrutturazione di campi e struttura.

LEGGI Monza, niente accordo con il circolo: la scuola tennis del parco chiude

LEGGI Monza, chiusura circolo del tennis. Lamperti: «Ecco cosa è successo»

«Mettiamo subito mano al rifacimento degli spogliatoi, dei campi e delle coperture per assicurare la riapertura della scuola – spiega Colombo- poi, entro primavera, ristrutturiamo la club house dove sarà riaperto il ristorante».

Il centro non sarà più un circolo privato, ma sarà aperto a tutti con alcuni vantaggi per chi sottoscriverà l’abbonamento.

Monza, la porta gotica del Tennis club

Monza, la porta gotica del Tennis club
(Foto by FABRIZIO RADAELLI)

«Tra i progetti più qualificanti voluti dalla Soprintendenza- spiega Lorenzo Lamperti, direttore del Consorzio della Reggia- c’è l’eliminazione dell’attuale passo carraio per ricreare il viale alberato di collegamento dal portone neogotico ai giardini reali. Un ideale collegamento con i boschetti e il centro storico».

Tra le attività previste ci sono tornei per valorizzare i giovani talenti: «Pensiamo anche a tornei di alto livello, magari un femminile- spiega Colombo- mentre per riportare a Monza un torneo internazionale bisognerà aspettare un po’ perché per i primi tempi abbiamo ingenti spese per recuperare la struttura al meglio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA