Lombardia: Fabrizio Sala lascia la Regione dopo 10 anni per il Parlamento, Rizzoli vicepresidente

Fabrizio Sala, già vicepresidente e assessore, ha rassegnato le dimissioni dalla giunta della Lombardia dopo l'elezione in Parlamento.
Fabrizio Sala
Fabrizio Sala, assessore alla Ricerca, Università e Innovazione di Regione Lombardia

Neo vicepresidente della Lombardia è Melania Rizzoli, assessore alla formazione e al Lavoro. Il presidente Attilio Fontana l’ha nominata dopo le dimissioni presentate dall’onorevole brianzolo Fabrizio Sala, già vicepresidente e assessore all’Istruzione, Università, Innovazione e Ricerca, eletto alla Camera alle elezioni del 25 settembre nella circoscrizione brianzola.

Il presidente ha ringraziato Fabrizio Sala per l’impegno “profuso fin qui attraverso il quale ha potuto portare a compimento una serie di importanti progetti”.

Lombardia, Fabrizio Sala lascia la Regione dopo 10 anni: «È proiettata verso un grande futuro»

«Il mio legame con il territorio non si spezzerà: sarà sempre il centro delle mie azioni anche nel nuovo percorso in Parlamento». È una sorta di promessa quella pronunciata da Fabrizio Sala subito dopo aver firmato le dimissioni: il deputato di Forza Italia saluta il Pirellone dopo dieci anni trascorsi ai vertici della giunta, prima accanto a Roberto Maroni e, dal 2018, ad Attilio Fontana.

«Lascio una Regione che è un esempio di eccellenza anche a livello internazionale, proiettata verso un grande futuro – afferma – lascio un assessorato con una programmazione europea che vale il doppio della precedente, con cui si potrà fare un enorme lavoro».

Lombardia, Fabrizio Sala lascia la Regione dopo 10 anni: ultimo atto presentazione bando “Scuola digital smart”

La permanenza al Pirellone è incompatibile con l’ingresso in Parlamento ma Sala ha procrastinato fino all’ultimo il distacco: «In questi mesi – spiega – ho portato avanti a titolo gratuito la mia attività in Lombardia proprio per impostare al meglio gli oltre due miliardi di euro di fondi europei e per non lasciare lavori importanti incompiuti tra cui la delicata questione per il diritto allo studio per il quale, grazie anche all’impegno della giunta e del consiglio regionale, sono già stati stanziati 21,4 milioni di euro».
L’ultimo atto da vicepresidente è stata la presentazione del bando “Scuola digital smart” dedicato all’allestimento e alla realizzazione di spazi di apprendimento digitali nelle scuole primarie.

Lombardia, Fabrizio Sala lascia la Regione dopo 10 anni: i ringraziamenti

Come in ogni addio non mancano i ringraziamenti per la fiducia ricevuta: il primo è per Silvio Berlusconi seguiti da quelli per la coordinatrice di Forza Italia Licia Ronzulli, per Fontana e per la squadra degli azzurri al Pirellone. «Ringrazio, inoltre – aggiunge il parlamentare – tutti gli stakeholder, i partner dei nostri progetti, il personale e i cittadini che hanno contribuito e contribuiscono ai successi della nostra Regione».

Sala alla Camera opererà nella commissione Finanze.