Trasporto pubblico locale e Covid-19, i Comitati pendolari: «Scongiurare tutti i pericoli di settembre»
I treni predisposti per la Fase 2, a maggio. Come sarà a settembre?

Trasporto pubblico locale e Covid-19, i Comitati pendolari: «Scongiurare tutti i pericoli di settembre»

Insieme ai comitati viaggiatori hanno analizzato la situazione in vista della ripresa: “Ci auguriamo che le Autorità preposte stabiliscano regole chiare e senza ambiguità valide su tutto il territorio nazionale”

Settembre e (si spera) la ripresa è alle porte e i comitati dei pendolari e dei viaggiatori del trasporto pubblico locale della Lombardia sollecitano Governo e Regione a concertare delle norme comuni e a: “ prevedere l’attuazione obbligatoria di opportune misure compensative nei casi in cui, per assicurare la mobilità dei cittadini, sia necessario ridurre il distanziamento a bordo dei mezzi di trasporto pubblico”.

La preoccupazione maggiore riguarda il pericolo affollamento sui mezzi di trasporto pubblico: “non possiamo che augurarci - dicono i comitati - che le Autorità preposte stabiliscano, in vista della ripresa a settembre delle attività lavorative e scolastiche, regole chiare e senza ambiguità valide su tutto il territorio nazionale, in particolare sui treni che effettuano i Servizi Regionali Ferroviari”.

“Siamo molto preoccupati, come moltissimi utenti, dalla prospettiva dell’occupazione del 100% dei posti dell’offerta attuale, specie se attuata senza alcun controllo sull’effettivo rispetto delle misure sanitarie di prevenzione - proseguono - In ogni caso, non è accettabile che la responsabilità della sicurezza sanitaria sia scaricata esclusivamente sugli utenti, in quanto le regole devono essere rispettate non solo da parte degli utenti, ma anche con la responsabilizzazione di tutte le parti in causa, quali gli Enti Regolatori ed i Gestori dei servizi di TPL”.

Per scongiurare il pericolo, suggeriti quindi piani di manutenzione straordinaria di materiale rotabile ed impianti: “per incrementare l’affidabilità del servizio ferroviario, limitando così soppressioni e ritardi che sono tra le maggiori cause di formazione di assembramenti ed incremento della permanenza a bordo”. E ancora: “L’obbligo, da parte dei Gestori, di effettuare gli opportuni controlli sul rispetto del distanziamento, ma anche di fornire le mascherine ai viaggiatori che ne fossero sprovvisti ed installando distributori di disinfettante a bordo treno”.

Deve inoltre vigere l’obbligo: “pena la sospensione della contribuzione pubblica, di effettuare non solo il 100% dei servizi rispetto alla situazione ante-Covid, ma di incrementare le corse e il numero delle carrozze ovunque sia possibile, al fine di contenere il più possibile l’affollamento e della revisione delle norme, spesso obsolete, che governano la circolazione dei treni, in modo da incrementare le tracce disponibili sulle infrastrutture per potenziare i servizi”.

Infine, i Comitati chiedono anche chiarezza in relazione ai rimborsi degli abbonamenti annuali: “in quanto i Gestori di TPL dichiarano di voler provvedere al solo rimborso della quota dei due mesi di marzo ed aprile, ma non per i successivi. Un’autentica presa in giro per i moltissimi pendolari in cassa integrazione o in smart working imposti dall’emergenza sanitaria, ai quali i Gestori dei servizi di TPL, ed in particolare Trenord, avevano sempre assicurato che sarebbero stati rimborsati gli abbonamenti per l’intero periodo di mancato utilizzo” e stigmatizzano: “la mancanza di disponibilità ad un confronto su questi temi da parte di Regione Lombardia, la quale non ha nemmeno convocato gli ultimi tavoli di quadrante (ovviamente in call) con i rappresentanti dei Viaggiatori e dei Pendolari, nonostante la nostra esplicita disponibilità a collaborare per affrontare la pianificazione delle fasi 2 e 3”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA