Serata di gala a Monza e nuovi traguardi: il progetto PizzAut compie un anno e non si ferma più
PizzAut serata al Saint George Premier di Monza - foto dalla pagina facebook PizzAut

Serata di gala a Monza e nuovi traguardi: il progetto PizzAut compie un anno e non si ferma più

Il progetto PizzAut non si ferma più. Dalla serata di gala a Monza con il gruppo Facebook EasyMonza e i commercianti che hanno esposto la teca per la raccolta fondi (e il sindaco con importante endorsement) al campionato mondiale della pizza 2018.

Il progetto PizzAut non si ferma più. Sabato sera al ristorante Saint Georges Premier nel parco di Monza è andata in scena la serata di gala con gli iscritti del gruppo facebook EasyMonza (che ha festeggiato tre anni) e i commercianti che hanno esposto le teche per la raccolta fondi, una collaborazione solidale che dal virtuale del social network è diventato bella realtà (ilCittadinoMB ne aveva parlato QUI).

Martedì 10 aprile invece tutti a Parma, dove il giovane Alessandro Montrasio si è iscritto al campionato mondiale della pizza 2018 («Credo sia la prima volta nella storia che un ragazzo autistico vi partecipi», annuncia Acampora), e il giorno successivo tappa all’università Cattolica per un convegno.

PizzAut serata al Saint George Premier di Monza: Nico Acampara e Alessandro Mostrasio con il sindaco Dario Allevi - foto dalla pagina facebook PizzAut

PizzAut serata al Saint George Premier di Monza: Nico Acampara e Alessandro Mostrasio con il sindaco Dario Allevi - foto dalla pagina facebook PizzAut

Un’agenda pienissima per un progetto che ha appena compiuto un anno e, proprio nella sera di gala, è stato adottato dalla città di Monza e dal suo sindaco Dario Allevi: «Potrebbe nascere qui il primo laboratorio di inclusione sociale realizzato in una pizzeria segnalata proprio dal primo cittadino del capoluogo brianzolo», si leggeva domenica mattina sulla pagina facebook PizzAut Nutriamo l’inclusione per favorire l’inserimento lavorativo dei ragazzi autistici e aprire la prima pizzeria gestita in proprio.

Il post del sindaco su facebook

Il progetto era stato pensato il 2 aprile 2017, Giornata Internazionale dell’Autismo, e lanciato qualche giorno dopo. Lunedì 2 aprile, un anno dopo, i ragazzi di PizzAut e il loro presidente Nico Acampora sono stati protagonisti di un servizio del Tg3.

Muggiò: Nico Acampora e PizzAut al Tg3

Muggiò: Nico Acampora e PizzAut al Tg3
(Foto by Cristina Mariani)

«Sono successe cose impensabili e incredibili – ha spiegato con entusiasmo il muggiorese Acampora al Cittadino in edicola sabato 7 aprile - Molte famiglie e associazioni hanno preso coraggio per farsi vedere e raccontare. Nessuno pensava che i ragazzi sarebbero stati in grado di fare tutto quello che hanno fatto. Hanno aumentato la loro autostima, si sentono più partecipi e più attivi».

Una decina i ragazzi coinvolti nel progetto e nell’attesa di aprire il ristorante i ragazzi si allenano a impastare, cuocere pizze, fare i camerieri, incontrare lo sguardo delle persone. «Assaggi di PizzAut» con cui si offrono volontari nei locali.

«Al di là della pratica i ragazzi stanno anche facendo formazione in una scuola professionale per affinare quello che stanno imparando dal vivo».

GUARDA La serata alla Pizzeria del Centro


© RIPRODUZIONE RISERVATA