Sequestro milionario al re delle truffe: a Monza aveva messo a segno il colpo delle opere d’arte di Rubens e Renoir - VIDEO
Polizia di Stato sequestro re delle truffe

Sequestro milionario al re delle truffe: a Monza aveva messo a segno il colpo delle opere d’arte di Rubens e Renoir - VIDEO

VIDEO - Nella primavera del 2017 aveva messo a segno un colpo a Monza impossessandosi di due opere d’arte di Rubens e Renoir del valore di 26 milioni di euro. La polizia di Stato ha eseguito un sequestro milionario al re delle truffe.

Sequestro di beni per il valore di 2 milioni di euro al re dei truffatori rip-deal che aveva messo a segno un colpo anche a Monza nel mese di aprile 2017. Fingendosi un rabbino israeliano rappresentante della comunità ebraica milanese aveva rubato due opere d’arte di Rubens e Renoir, valutate 26 milioni di euro in un incontro organizzato in alcuni locali di via Quintino Sella in uso a un’agenzia immobiliare ma vicini a un Consolato Generale (estraneo ai fatti), facendo credere alle controparti che si trovassero nell’ente diplomatico. Dopo aver fatto depositare i quadri in un locale del presunto consolato, aveva condotto le vittime in un’altra stanza e con una scusa si era allontanato rubando le opere d’arte, ritrovate quasi un anno dopo all’interno di un campo nomadi in provincia di Torino. Nelle sue mani era finiti l’olio su tavola raffigurante la “Sacra famiglia” di Peter Paul Rubens e l’olio su tela “La Fanciulla Sul Prato” di Pierre Auguste Renoir. Per questo reato è stato arrestato con le accuse di furto aggravato e sostituzione di persona.

LEGGI Il furto
LEGGI Furto di quadri di Renoir e Rubens a Monza: cinque arresti ma le indagini proseguono
LEGGI Furto di due capolavori di Renoir e Rubens da 26 milioni a Monza: cinque arresti

radaelli Monza Nucleo tutela patrimonio Recuperate tele Renoir e Rubens

radaelli Monza Nucleo tutela patrimonio Recuperate tele Renoir e Rubens
(Foto by Fabrizio Radaelli)

La polizia di Stato ha eseguito il sequestro ai danni di un pluripregiudicato di 46 anni di origine croata con diversi alias che fin da minorenne si è reso responsabile di reati contro il patrimonio, specializzandosi nelle truffe con il metodo Rip Deal in cui fingendo scenari credibili e vantaggiosi i truffatori riescono a estorcere ingenti somme di denaro.

Sono stati sequestrati un appartamento di 8 vani con box auto a Trezzano sul Naviglio, un appartamento di 4 locali con box auto a Sedriano. Qui appoggiata a un mobile della cucina è stata trovata una banconota fac-simile da 100 Euro e del materiale da confezionamento utilizzato dal truffatore, verosimilmente, per confezionare mazzette di banconote false per attuare le truffe. In cantina, anche una macchinetta conta-soldi.

Sequestrati poi un’ auto Mercedes Classe A AMG e diversi gioielli di cui è in corso la verifica dell’autenticità che, se confermata, sarebbe di considerevole valore. Tra questi tre bracciali rigidi in oro, 1 anello trilogy con 21 diamanti a fiori, 2 anelli oro bianco con 5 diamanti, 1 anello fedina oro bianco, 1 braccialetto tennis con 210 diamanti, 1 braccialetto tennis con 52 diamanti, 1 braccialetto tennis con 56 diamanti, 1 bracciale rigido in oro giallo.

Nel corso degli anni ha mantenuto un elevatissimo tenore di vita, con abiti griffati, gioielli e auto di grossa cilindrata, come una Ferrari 360 Modena Spider e una Audi A6, anche per rendersi credibile nelle sue false identità di uomo d’affari o di facoltoso collezionista di opere d’arte.


© RIPRODUZIONE RISERVATA