Operazione Dedalo: «Il giardino degli spacciatori restituito alla città di Monza» FOTO -  VIDEO
La conferenza stampa in questura (Foto by Roberto Magnani)

Operazione Dedalo: «Il giardino degli spacciatori restituito alla città di Monza» FOTO - VIDEO

Conferenza stampa in Questura dopo il blitz della Squadra Mobile nei giardini di via Visconti a Monza, durato 48 ore. Il procuratore capo Claudio Gittardi: «Nel parco c’era una massiva attività illegale, ma oltre a reprimere serve prevenire».

“Bonificati” dagli spacciatori i giardini di via Azzone Visconti, a Monza, dopo un blitz durato 48 ore, lunedì e martedì, con l’operazione denominata “Dedalo”, coordinata dalla procura di Monza e condotta dalla Squadra Mobile. Sessantuno gli indagati, soprattutto gambiani e marocchini (un solo italiano), 53 destinatari di misure cautelari, 38 in carcere.

GUARDA Le foto della conferenza stampa
GUARDA Le foto della retata di lunedì

Ha parlato di «massiva attività illegale», di «occupazione militare da parte degli spacciatori di un’area verde, sottratta e oggi restituita alla cittadinanza» il procuratore capo Claudio Gittardi, intervenuto mercoledì in una conferenza stampa, in Questura, insieme al questore, Michele Sinigaglia, ai pm Sara Mantovani e Salvatore Bellomo (che hanno coordinato le indagini), al capo della Mobile, il vice questore Francesco Garcea, e all’ispettore superiore Dimitri Palma. «È necessaria un’opera di prevenzione a monte perché la repressione non basta e arriva a patologia realizzata, tra l’altro, molti acquirenti sono minorenni» ha aggiunto Gittardi.

LEGGI Parchetto di Monza liberato dagli spacciatori, il grazie del sindaco a nome della città

Le indagini sono state attivate nell’autunno del 2019. Ricostruite: «migliaia di cessioni e detenzioni di stupefacenti, circa quattromila, in pochi mesi» per un valore complessivo quantificabile di almeno mezzo milione. A gestire lo spaccio nel giardino, diventato l’enclave del gruppo: «dai modi violenti - ha precisato Garcea - che non esitava ad allontanare chi ostacolava i loro affari» (tra gli aggrediti e rapinati anche due collaboratori dell’inviato di Striscia la Notizia Vittorio Brumotti, i due responsabili furono in seguito arrestati), erano quasi esclusivamente gambiani (numerosi richiedenti asilo) e marocchini, tutti pressoché senza fissa dimora. I primi gestivano lo smercio di hashish e marijuana e della “Gardella hash”, un mix dei due stupefacenti dall’altissimo principio attivo, per la prima volta sequestrata in città. I marocchini quello di cocaina ed eroina. Sequestrati circa 2 chili di marijuana, 2 etti di hashish e altrettanti di cocaina ed eroina oltre a circa 10mila euro in contanti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA