Monza: è morto l’egiziano accoltellato al volto, connazionale indagato per omicidio
L’ingresso dell’ospedale San Gerardo

Monza: è morto l’egiziano accoltellato al volto, connazionale indagato per omicidio

Non ce l’ha fatta l’egiziano 28enne che nella notte tra martedì 7 e mercoledì 8 maggio, al culmine di una lite in un appartamento di via Calatafimi, a Monza, è stato accoltellato ripetutamente al volto da un connazionale 29enne, suo coinquilino ora indagato per omicidio volontario.

Non ce l’ha fatta l’egiziano 28enne che nella notte tra martedì 7 e mercoledì 8 maggio, al culmine di una lite in un appartamento di via Calatafimi, a Monza, è stato accoltellato ripetutamente al volto da un connazionale 29enne, suo coinquilino.

LEGGI: Accoltella al volto il coinquilino, arrestato per tentato omicidio

L’uomo, sottoposto a un intervento chirurgico durato 12 ore all’ospedale San Gerardo, dove era stato ricoverato in condizioni disperate, è deceduto nella tarda serata di mercoledì. L’aggressore, arrestato dai carabinieri e tradotto nel carcere monzese di via Sanquirico, è indagato per omicidio volontario aggravato dai futili motivi.

Secondo la ricostruzione dei militari, suffragata anche dalla testimonianza di un terzo inquilino dell’appartamento dove è avvenuta la tragedia, anche lui egiziano, la lite sarebbe scaturita dopo che il 29enne ha accusato il 28enne di avergli sottratto il portafoglio. Dalle parole i due sono presto passati ai fatti e il 29enne ha colpito ripetutamente il rivale con un coltello da cucina che si è poi premurato di ripulire e rimettere in un cassetto prima dell’arrivo dei carabinieri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA