La svolta di Anac: l’appalto dei rifiuti di Monza va assegnato alla Sangalli
I mezzi della Sangalli (Foto by Fabrizio Radaelli)

La svolta di Anac: l’appalto dei rifiuti di Monza va assegnato alla Sangalli

L’Autorità anticorruzione ha deciso che l’appalto dei rifiuti di Monza va assegnato alla seconda classificata: è la Sangalli. Ora i controlli prima dell’aggiudicazione definitiva.

Uan manciata di righe in tutto da parte del Comune di Monza: «A seguito dell’esclusione dalla gara d’appalto per la raccolta dei rifiuti urbani della società prima classificata, Anac (Autorità nazionale anticorruzione) ha comunicato la “cristallizzazione” della graduatoria stilata dalla Commissione Giudicatrice lo scorso mese di luglio. Pertanto, in virtù del “Protocollo di Azione Vigilanza Collaborativa”, il provvedimento dirigenziale firmato il 10 febbraio, stabilisce di procedere allo scorrimento della graduatoria provvisoria, in favore della seconda classificata. Ora sarà avviata la fase dei controlli sul nuovo soggetto, propedeutici a redigere il provvedimento definitivo». Si traduce così: l’appalto dei rifiuti di Monza, dopo l’esclusione della Di Vizia, va alla Sangalli di Monza, seconda classificata.

LEGGI Appalto rifiuti a Monza: il Comune dopo le verifiche con Anac ha escluso l’azienda prima classificata

LEGGI Monza, stallo sull’appalto rifiuti: «Siamo in scacco di guerre legali»
LEGGI Monza, il Comune sul bando rifiuti: «Aggiudicazione ancora sub judice»
LEGGI Appalto rifiuti a Monza: Sangalli perde, prima (provvisoria) la campana De Vizia


© RIPRODUZIONE RISERVATA