La “Sala Var” arriva in Brianza: sarà ospitata nella sede di Ei Towers a Lissone
La sede lissonese di Ei Towers

La “Sala Var” arriva in Brianza: sarà ospitata nella sede di Ei Towers a Lissone

La “Sala Var”, il centro nevralgico dove saranno processate le immagini di tutti i campi di calcio, arriva in Brianza: sarà ospitata dalla Ei Towers di Lissone.

Ci sarà una fetta di Brianza e in particolare di Lissone, nella regia elettronica che sorveglierà il campionato di Serie A durante i prossimi anni. La Figc ha scelto la sede delle EI Towers come quartier generale dell’attesissima “Sala Var”: il centro di comando unificato dove verranno processate le immagini dei campi di calcio a supporto delle decisioni arbitrali. Il progetto, di cui si parla ormai dal 2018, la Federcalcio, in prima battuta, avrebbe voluto realizzarlo a Coverciano. Alcuni problemi logistici come l’impossibilità di cablare con la fibra ottica il Centro tecnico federale, casa della Nazionale italiana, e alcuni vincoli della Sovrintendenza hanno spinto invece la Federcalcio a cercare una nuova sede. La scelta è quindi ricaduta su quelle conosciute dai più come le “torri tv” lissonesi di via Giacomo Zanella: un vero e proprio concentrato di altissima tecnologia in grado di poter fornire al meglio tutto il supporto tecnico al progetto attraverso le sue 2.300 torri per la trasmissione tv ed i 6.000 chilometri di fibra ottica.

Il mondo del calcio non sarà però una novità per l’EI Towers. La società è nata infatti nel 1975 come una costola di “Elettronica Industriale”, fondata da Adriano Galliani. Successivamente l’azienda è confluita invece in Mediaset e dunque sotto il controllo di Silvio Berlusconi, che attualmente ne detiene ancora il 40% anche se il Biscione è in trattativa per uscire dalla società nel corso del 2021, vendendo la sua quota al Gruppo F2i tramite F2i TLC 1 S.r.l.


© RIPRODUZIONE RISERVATA