Droga: regolamento di conti con pistola puntata alla testa, tre arresti a Mezzago
Carabinieri

Droga: regolamento di conti con pistola puntata alla testa, tre arresti a Mezzago

Tre arresti dei carabinieri di Vimercate in un regolamento di conti tra spacciatori. Teatro dei fatti, nel fine settimana, un box di Mezzago. Causa scatenante: l’accusa di aver fatto sparire una partita di droga.

Tre arresti dei carabinieri di Vimercate in un regolamento di conti tra spacciatori. Teatro dei fatti, nel fine settimana, un box di Mezzago. Causa scatenante: l’accusa di aver fatto sparire una partita di droga. I carabinieri hanno arrestato tre pusher italiani di 25, 24 e 21 anni accusati di avere sequestrato altri tre giovani spacciatori, due 18enni e un 17enni, costringendoli a subire una “roulette russa”: puntando una pistola calibro 38 carica alla testa e premendo il grilletto.

L’ episodio è stato raccontato dalle vittime. Secondo quanto ricostruito, due degli spacciatori puniti all’insaputa del terzo avevano rubato alcune decine di dosi di marijuana per rivenderla a un quarto giovane (poi rintracciato e arrestato dai carabinieri per detenzione di droga). A casa dei sequestratori, tutti portati in carcere a Monza, i carabinieri hanno trovato e sequestrato in totale 5 chili di hashish e 1 chilo di marijuana, 60 proiettili calibro 38 e oltre 10mila euro in contanti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA