Coworking e futuro, parte da Sovico il tour di Massimo Carraro
WEB. COWORKING (Foto by Elisabetta Pioltelli)

Coworking e futuro, parte da Sovico il tour di Massimo Carraro

Fondatore di Rete Cowo®, la prima rete di coworking indipendenti. L’appuntamento è per sabato 9 ottobre, alle 10.30, al Coworking Sovico.

Parte da Sovico il tour di Massimo Carraro, fondatore Rete Cowo®, la prima rete di coworking indipendenti. L’appuntamento è per sabato 9 ottobre, alle 10.30, al Coworking Sovico, in via Giovanni da Sovico. L’occasione è riflettere sul futuro del lavoro, a partire dal volume “Ho fatto un coworking, anzi 100. La sfida culturale dei 100 Coworking di Rete Cowo® nel racconto del suo fondatore. Con una guida pratica ai Coworking del futuro”.

Che cosa significa lavorare in modo innovativo? È la domanda da cui prende via il dibattito.

Se, prima della pandemia, il 95% delle aziende italiane non aveva mai pensato all’idea di spazi condivisi, né tantomeno provato a usufruirne e il 5% faceva i primi test, ora il quadro è differente: solo il 5% delle aziende non ha avuto il problema di “dove potevano lavorare le persone”, mentre il restante 95%, nello spazio di poche settimane durante l’inizio della pandemia, ha vissuto l’urgenza di interrogarsi sul modo per svolgere le attività aziendali, pur non andando in ufficio.

Carraro racconterà la sua storia che inizia con una sfida dovuta a una crisi lavorativa: la fine del lavoro da creativo pubblicitario, accompagnata dall’intuizione di nuove possibilità date dalla tecnologia di poter lavorare in remoto aprendo milioni di nuove prospettive. Da qui la capacità di evolversi e cambiare, in funzione dei tempi e, anche, delle crisi economiche e professionali. Dal voler fare coworking insieme semplicemente condividendo uno spazio di lavoro e ammortizzando così le spese di ufficio, idea che ha segnato le basi della rete Cowo, alla gestione dei primi aspetti burocratici, fiscali, amministrativi di un sistema sempre più complesso. Sostenibilità e relazione sono sempre stati i valori alla base di Cowo e che, con il tempo, non sono mai stati persi di vista. Oggi Cowo è un network, una community intorno a valori condivisi.

La mattinata sarà l’occasione per affrontare il ruolo dello spazio coworking nella società fino all’arrivo della pandemia.

Dall’analisi degli ultimi periodi, sono emerse tre tendenze che Carraro indagherà insieme a Ivana Pais, professoressa associata di sociologia economica alla facoltà di Economia all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Il Coworking ha bisogno dei “beni collettivi locali”, spiega Pais: mezzi di trasporto che consentano di raggiungere facilmente lo spazio, commercio di prossimità, una certa “atmosfera” che possa stimolare il confronto e l’innovazione. Il coworking, da spazio condiviso, diventa concetto comune.


© RIPRODUZIONE RISERVATA