Cosa c’è su il Cittadino di giovedì 2 maggio 2019 (già in edicola)
prima pagina 1 maggio 2019 (Foto by Chiara Pederzoli)

Cosa c’è su il Cittadino di giovedì 2 maggio 2019 (già in edicola)

il Cittadino va in edicola a Monza (e limitrofi) già da mercoledì 1 maggio, anziché come tradizione il giovedì quando il giornale sarà in piazza Roma alla redazione mobile.

il Cittadino va in edicola a Monza (e limitrofi) già da mercoledì 1 maggio, anziché come tradizione il giovedì quando il giornale sarà in piazza Roma alla redazione mobile. Il 2 maggio infatti le edicole sono chiuse in conseguenza della Festa dei lavoratori. L’appuntamento con le notizie di Monza quindi si anticipa di un giorno.

VAI ALL’EDICOLA DIGITALE

prima pagina 1 maggio 2019

prima pagina 1 maggio 2019

Si parla di Gp d’Italia, con tutte le reazioni all’intesa trovata tra Aci e Formula 1 fino al 2024 compresa quindi l’edizione del centenario nel 2022, e di Leonardo da Vinci: il 2 maggio sono 500 anni dalla morte e il CittadinoMB racconta le nuove indagini con il coinvolgimento dell’Isal di Cesano Maderno (Istituto per la storia dell’arte lombarda) per l’attribuzione di un dipinto che raffigura le nozze mistiche di santa Caterina. Che porta la “firma” del Genio.

È anche l’occasione per presentare il concorso fotografico organizzato dal Cittadino al via dal 3 maggio: scatta la Brianza e vinci il Gp di Formula 1.

Poi la cronaca nera con il caso Brumotti, l’inviato di Striscia la Notizia aggredito in stazione durante un servizio che ha suscitato molto clamore, e l’arresto del rapinatore seriale (monzese di 53 anni) tradito dagli occhi. E le prime ammissioni della “gang del centro” con due arrestati ai domiciliari.
La denuncia dei commercianti: nei vicoli intorno al Duomo i ragazzi continuano a drogarsi.

Nella settimana in cui si è riacceso il dibattito sulle Province per lo scontro tra Lega e M5S, il presidente brianzolo Roberto Invernizzi firma un intervento per dire: «Legge Del Rio frettolosa, ma guardiamo al futuro».

Prospettiva Monza, per chiedere agli addetti ai lavori idee su una città ideale, si chiude l’analisi del territorio dell’urbanista ed ex assessore Alfredo Viganò.
In tema di mobilità, dopo la notizia del primo Pums in arrivo in città, le idee dei monzesi per un traffico sostenibile.

Le cronache della città raccontano la storia di Jajo, morto per una malattia all’età di 24 anni che sarà ricordato con una serie di iniziative che vanno da un torneo di calcio alla “sua” Gerardiana alla realizzazione di “isole” ambientali in città fino al coinvolgimento del velista Alex Bellini. Perché sia per sempre “Bella Jajo”.

Ma anche il tifo della città per Titti per ballare in sedia a rotelle su Rai 1 nella trasmissione di Milly Carlucci “Ballando con le stelle” e due storie di edicolanti: un saluto dopo vent’anni in via Monte Amiata e il ritorno del chiosco in via Guerrazzi.

In sport come Monza si prepara alla trasferta a Viterbo per il ritorno della finale di Coppa Italia di serie C, l’intervista alla presidente del Vero Volley Alessandra Marzari, la tappa in autodromo dell’Europeo di Trial.

Nel CittadinoPiù: in economia i 101mila manager al lavoro Brianza, in sanità la storia del fotoreporter Micalizzi in cura al San Gerardo dopo il ferimento in Siria. In cultura il festival dell’acquarello in arrivo in città.


© RIPRODUZIONE RISERVATA