Coronavirus, 423 pazienti e ricoveri in calo tra Monza e Desio: trasferimenti, ma anche graduale riduzione degli accessi di positivi
Ospedale san Gerardo (Foto by Fabrizio Radaelli)

Coronavirus, 423 pazienti e ricoveri in calo tra Monza e Desio: trasferimenti, ma anche graduale riduzione degli accessi di positivi

Dopo il picco di metà novembre con 504 ricoveri (il 16 novembre), sono 423 il pazienti complessivi all’Asst Monza alla data di martedì 24 novembre: 317 al San Gerardo di Monza, di cui 38 in terapia intensiva; 106 all’ospedale di Desio, 11 in terapia intensiva.

Diminuisce il numero dei pazienti ricoverati per coronavirus negli ospedali di Monza e di Desio che fanno capo all’Asst Monza sia per i trasferimenti disposti verso altre strutture sia per un minore accesso al pronto soccorso, che è un dato da monitorare e valutare per stabilire se la situazione si stia stabilizzando.

Dopo il picco di metà novembre con 504 ricoveri (il 16 novembre), sono 423 il pazienti complessivi all’Asst Monza alla data di martedì 24 novembre: 317 al San Gerardo di Monza, di cui 38 in terapia intensiva; 106 all’ospedale di Desio, 11 in terapia intensiva.

LEGGI Monza, l’Esercito risponde all’Asst: primi 20 medici e infermieri per l’ospedale San Gerardo

Negli ultimi giorni, nota l’Asst, “ si sta al contempo assistendo ad una graduale riduzione degli accessi di pazienti Covid positivi che, se consolidata e confermata, potrà consentire un ritorno ad una situazione di ristabilito equilibrio”.

Intanto entra in servizio mercoledì il primo contingente dell’Esercito costituito da dieci medici e dieci infermieri operativi nei reparti dell’ospedale San Gerardo di Monza, a cui si aggiungeranno rinforzi che verranno utilizzati anche per il presidio di Desio.

Il programma prevede l’attivazione di 40 posti letto aggiuntivi sui due presidi in maniera da alleggerire la situazione di pressione dell’ospedale. Inoltre è allo studio una struttura mobile esterna all’ospedale per gestire pazienti a bassa complessità che potrebbe essere realizzata in seguito.


© RIPRODUZIONE RISERVATA