Addio all’imprenditore Carlo Fossati, fondatore dell’Effemarket di Lissone e Bareggia
Lissone Macherio Effemarket: l’inaugurazione nel 2019 della collaborazione con il Gigante

Addio all’imprenditore Carlo Fossati, fondatore dell’Effemarket di Lissone e Bareggia

Si sono celebrati nel pomeriggio di sabato a Bareggia i funerali di Carlo Fossati, fondatore della catena di supermercati di Bareggia di Macherio e Lissone Effemarket. Un’attività avviata nel 1835 e tramandata di generazione in generazione.

Addio al papà di Effemarket, la catena di supermercati di Bareggia di Macherio e Lissone. Si è spento Carlo Fossati che con la moglie Ancilla Pioltelli, mancata il 22 ottobre del 2011, ha saputo creare una realtà imprenditoriale vecchio stampo tramandata di generazione in generazione.

Carlo Fossati, fondatore Super Effemarket Lissone e Bareggia

Carlo Fossati, fondatore Super Effemarket Lissone e Bareggia
(Foto by Gianni Radaelli)

Un’attività longeva e tra le più antiche della Brianza (sorta nel 1835) quando Martino Fossati aprì nella frazione di Bareggia un negozio di posteria-osteria-trattoria, alla cui conduzione partecipava il figlio Carlo, che nel 1878 estese l’attività alla rivendita di sali e tabacchi, mentre nei primi anni del 1900  la famiglia estese l’attività a Lissone centro, dove aprì un forno e nel 1905 costruì il fabbricato di via Enrico Toti a Bareggia, rimodernando il precedente negozio con un nuovo forno per il pane a cui venne aggiunta la salumeria, il tutto sempre sotto l’egida di nonno Carlo Fossati.

Al suo fianco c’era sempre suo figlio, Ambrogio. È nel 1970 che Carlo Fossati, figlio di Ambrogio, con la moglie Ancilla iniziarono l’attività di supermercato chiamato Effemarket, tramandando una bella tradizione di famiglia. Nel 1990 nasce a Lissone Effemarket 2 (viale Martiri della Libertà), nel 2005 la famiglia Fossati apre in via Gioberti, a Bareggia, un centro commerciale dove ha sede Effemarket 1. 

I funerali di Carlo Fossati sono stati celebrati sabato pomeriggio nella chiesa parrocchiale di Bareggia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA