A Usmate Velate Fratelli d’Italia e Lega contro il “kit del partigiano”: «Propaganda da regime nordcoreano»
Sfilata di partigiani

A Usmate Velate Fratelli d’Italia e Lega contro il “kit del partigiano”: «Propaganda da regime nordcoreano»

I due gruppi aspramente critici contro l’iniziativa organizzata dalla compagnia teatrale “Piccoli idilli” in collaborazione con il Comune e rivolta a 50 ragazzi tra i 7 e i 12 anni che riceveranno giochi e gadget evocanti il tema della Resistenza partigiana.

Fratelli d’Italia e Lega di Usmate contro I “Kit del partigiano”. Il circolo Fratelli d’Italia Usmate Velate e la sezione cittadina della Lega hanno espresso il proprio dissenso all’iniziativa “25 x 4 = 100 fiori della Libertà” promossa dalla compagnia teatrale “Piccoli idilli” in collaborazione con il Comune.

LEGGI A Usmate Velate c’è il “Kit del nuovo partigiano” per far conoscere ai ragazzi il valore della libertà

Il progetto, nato in occasione della Festa della Liberazione, è rivolto a 50 ragazzi fra i 7 e i 12 anni e consiste nella distribuzione del “kit del nuovo partigiano” contenente giochi e gadget evocanti il tema della Resistenza partigiana.

Il consigliere e capogruppo di Fratelli d’Italia Usmate Velate Vanessa Amati ha dichiarato che «La difesa della nostra democrazia è affidata oggi a forze armate professioniste, non c’è alcun bisogno di promuovere ideali di lotta contro un nemico che non esiste più: qui si esula da quelli che sono i valori della libertà e del senso civico. Con il kit del nuovo partigiano si entra in una propaganda politica e guerrigliera da regime nordcoreano».

«Fortunato il Comune di Usmate Velate che, nel mezzo di una pandemia, ha tempo da dedicare a queste cose. Un indottrinamento scolastico che ricalca proprio quei regimi del passato che vorrebbero combattere, 76 anni dopo la fine della guerra!», così il capogruppo Lega Daniele Ripamonti. 

Critico anche Mattia Abruzzese, presidente del dipartimento associazionismo politico FdI Monza e Brianza: «vengono promossi concetti di lotta, azione partigiana e staffetta: sorge spontanea la domanda: che minaccia di guerra civile abbiamo oggi in Italia?».


© RIPRODUZIONE RISERVATA