Calciomercato, un gioiellino della Folgore Caratese verso il Cagliari: ecco chi è Rachid Kouda
Il gioiellino della Folgore, Rachid Kouda (Foto by Mirko Ferrario)

Calciomercato, un gioiellino della Folgore Caratese verso il Cagliari: ecco chi è Rachid Kouda

Il centrocampista classe 2002 Rachid Kouda della Folgore Caratese è nel mirino del Cagliari.

Una serie di ottime prestazioni culminate con il gol nella vittoria di mercoledì nel successo della Folgore Caratese per 1-4 sul campo dell’Arconatese hanno puntato i riflettori del grande calcio su una delle punte di diamante dei brianzoli. Parliamo del centrocampista classe 2002, Rachid Kouda. Potenza fisica, tecnica ed inserimenti sono le armi in più del gioiellino cresciuto nel vivaio della Folgore ed ora in pianta stabile in prima squadra, che nelle ultime settimane ha stregato letteralmente il Cagliari. La squadra sarda ha infatti inviato lo scorso weekend il suo capo scouting Riccardo Guffanti a visionare il giocatore in occasione della gara vinta dai brianzoli contro il Casale e mercoledì ha rinnovato il loro interessamento durante il turno infrasettimanale contro l’Arconatese. Allo stadio “Roberto Battaglia” di Busto Garolfo era infatti presente il responsabile del settore giovanile e grande bandiera del club cagliaritano Daniele Conti.

Fa sul serio dunque la squadra sarda che al momento sembrerebbe aver già presentato un’offerta al club brianzolo per strappare Kouda alla Caratese, mettendosi in pole position per assicurarsi le prestazioni del giovane, superando anche il Monza nella schiera delle pretendenti al diamante della Folgore. Al momento non ci sono conferme da parte della Caratese sull’esito della trattativa e dunque non è possibile sapere se la Folgore cederà alle lusinghe del club di Serie A. Quel che è certo però è che Kouda aveva già suscitato l’interesse del grande calcio anche nel corso del 2020, quando era stato il Sassuolo a bussare alla porta dei brianzoli. In quell’occasione però l’offerta degli emiliani era stata rifiutata dal club guidato dal presidente Michele Criscitiello che aveva preferito trattenere il ragazzo con l’obiettivo di garantirgli esperienza in Serie D. Esperienza ripagata alla grande nel corso delle 12 presenze stagionali con un gol e un assist.


© RIPRODUZIONE RISERVATA