Usmate Velate: da gennaio casette dell’acqua gestite da BrianzAcque
Usmate casetta acqua (Foto by Michele Boni)

Usmate Velate: da gennaio casette dell’acqua gestite da BrianzAcque

A breve verranno comunicate le modalità per l’acquisto delle nuove tessere dell’acqua (al prezzo di 3 euro, con validità in tutte le Case dell’acqua presenti a Monza e Brianza), il credito su quelle attuali dovrà essere smaltito entro dicembre.

A partire da gennaio 2022 la gestione delle casette dell’acqua di Usmate Velate sarà in carico a BrianzAcque. I cittadini che consumano la cosiddetta “acqua del sindaco” in questi due mesi abbondanti dovranno esaurire il credito che hanno caricato sulle proprie tessere per prelevare l’acqua perché, a partire dal 1° gennaio, non saranno più rimborsabili. Al contempo, con congruo anticipo, verranno comunicate le modalità per l’acquisto delle nuove tessere dell’acqua (al prezzo di 3 euro, con validità in tutte le Case dell’acqua presenti a Monza e Brianza) che consentiranno di fruire del servizio sia a Velate (via Volta) che a Usmate.

Proprio a Usmate avverrà un’altra significativa modifica: cambierà infatti il posizionamento della casetta dell’acqua che dall’attuale posizione fronte municipio (corso Italia 22) verrà collocata sul retro del Palazzo, in via Milano. La necessità è stata manifestata dai tecnici ed ha ricevuto l’assenso della giunta comunale che ha già concesso l’utilizzo gratuito di suolo pubblico per il posizionamento del nuovo impianto che sarà caratterizzato da una interfaccia rapida e intuitiva.

«Abbiamo accolto la proposta di BrianzAcque di gestire le casette per migliorare un servizio che contribuisce alla riduzione dell’utilizzo di bottiglie di acqua minerale di plastica e incentiva altresì l’utilizzo dell’acqua proveniente dall’acquedotto – ha affermato il sindaco Lisa Mandelli - Sul nostro territorio sono attive circa 800 tessere equivalenti ad altrettanti nuclei familiari che, con regolarità o saltuariamente, utilizzano questo servizio. Ora vogliamo renderlo ancora più performante, affidandolo direttamente al gestore idrico della nostra Provincia».


© RIPRODUZIONE RISERVATA