Usmate Velate: col bilancio partecipato vince il progetto per il campo sportivo di via Luini
Usmate Velate bilancio partecipato

Usmate Velate: col bilancio partecipato vince il progetto per il campo sportivo di via Luini

I cittadini di Usmate Velate hanno scelto di riqualificare il campo sportivo esterno della scuola media Luini con il bilancio partecipato: il progetto ha superato di dieci voti la proposta di acquisto di un pulmino per disabili.

I cittadini di Usmate Velate hanno scelto di riqualificare il campo sportivo esterno della scuola media Luini con il bilancio partecipato. È infatti questo il progetto più votato dai residenti del paese che verrà finanziato con 50mila euro. Il progetto vincitore con soli 10 voti in più rispetto al secondo classificato (l’acquisto di un nuovo mezzo di trasporto per disabili), prevede la riqualificazione e l’ampliamento dell’area esterna utilizzata da centinaia di studenti della scuola Luini durante l’intervallo mensa oltre che per le attività sportive.

L’area ad oggi si presenta con un asfalto estremamente rovinato, con presenza di cespugli pericolosi in quanto troppi vicini e un accesso aperto verso l’area esterna frequentata da molti autoveicoli. Il progetto prevede di attrezzare i campi adiacenti la strada per la protezione sia dai cespugli che dall’esterno e il rinnovo della pavimentazione dei campi e delle recinzioni dell’area che si affacciano sulla strada oltre a cambiare le strutture del campetto sportivo multifunzione.

In questo modo si migliorerebbe la salute della popolazione scolastica incentivando l’attività fisica e al tempo stesso si potrebbe garantire un incremento qualitativo dell’offerta formativa sportiva all’interno della struttura scolastica.

Sono stati complessivamente 563 i cittadini che dal 3 al 21 novembre hanno preso parte con entusiasmo alla consultazione online, sfruttando la nuova piattaforma digitale messa a disposizione dall’amministrazione comunale. Un numero che equivale al 6.23% degli aventi diritto. È stato un successo al fotofinish, sintomatico della assoluta validità delle proposte che si sono contese il successo.

Dei tre progetti finalisti, quello della scuola Luini ha raccolto 229 preferenze, al secondo posto si è classificata la proposta dell’Associazione Volontari Trasporto (219 voti) con l’acquisto di un nuovo automezzo per il trasporto di persone con disabilità, al terzo posto (115 voti) l’intervento di messa in sicurezza della mobilità dolce con l’intervento migliorativo all’incrocio fra le vie Da Vinci-Marconi-Vittorio Emanuele II.

«Numeri che denotano il forte coinvolgimento verso i progetti finalisti – ha commentato il sindaco Lisa Mandelli – A nome mio e dell’amministrazione comunale rivolgo i complimenti a insegnanti, genitori e studenti della scuola Luini per come hanno saputo promuovere la loro proposta, conquistando meritatamente i 50mila euro di finanziamento già previsti nel bilancio. Un successo di soli 10 voti in considerazione del risultato eccellente raggiunto dall’Associazione Volontari del Trasporto, divenuta ormai una istituzione per la nostra città. Anche il terzo progetto ha riscosso un’adesione ragguardevole, a riprova di quanto siano sentiti i temi di mobilità sostenibilità anche sul nostro territorio. Elementi di cui l’amministrazione comunale terrà conto».

Parole a cui hanno fatto eco anche le dichiarazioni dell’assessore al Bilancio, Marcello Ripamonti. «Sono state tre settimane di frenetico entusiasmo, durante le quali la cittadinanza ha ritrovato il piacere di prendere parte alle scelte della pubblica amministrazione – ha affermato l’esponente della giunta – L’introduzione del voto online non è stato di ostacolo a chi ha scelto di esprimere il proprio voto, tant’è che abbiamo notevolmente incrementato il livello di partecipazione del 2018 quando si erano registrati 433 voti, e siamo di poco sotto il dato del 2016 e del 2017, le prime due edizioni dell’esperienza. Abbiamo dato anche ai giovani residenti la possibilità di prendere parte alle decisioni amministrative, un ulteriore elemento che dà valore a questo progetto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA