Ritardi, guasti, limitazioni: giovedì 21 ottobre da incubo per i pendolari. Tutti i problemi segnalati da Trenord e Rfi. E domenica 24 c’è un altro sciopero
Un treno in arrivo alla stazione di Arcore

Ritardi, guasti, limitazioni: giovedì 21 ottobre da incubo per i pendolari. Tutti i problemi segnalati da Trenord e Rfi. E domenica 24 c’è un altro sciopero

Giornata da incubo, quella di giovedì 21 ottobre, quella vissuta dai pendolari brianzoli e lombardi alle prese, a causa di problemi riscontrati sia da Trenord, sia da Rfi, con una lunghissima serie di ritardi, cancellazioni e limitazioni. E domenica 24 ottobre nuovo sciopero di 24 ore che coinvolgerà il personale viaggiante di Trenord.

Pioggerella sulla Brianza, raffica di ritardi e cancellazioni per quanto riguarda il trasporto regionale su ferro. Giovedì mattina da pre-Covid quello vissuto dai pendolari brianzoli e lombardi, alle prese con una serie di problematiche lungo praticamente tutte le tratte regionali che hanno causato non pochi problemi già dalle prime ore della mattinata. Il treno da Milano Cadorna diretto a Erba delle 7.09 ha accumulato 16 minuti di ritardo; prima ancora la corsa da Como (ore 6.49( diretta a Rho ha accumulato 13 minuti di ritardo. Dodici minuti, invece, per il treno da Lecco (7.06) diretto a Milano Porta Garibaldi. L’attesa di un convoglio proveniente da Bergamo ha fatto ritardare di un buon quarto d’ora la corsa 25827, da Porta Garibaldi al capoluogo orobico, dove l’arrivo era previsto per le 9.40. Sulla stessa tratta, ma al mattino presto, quasi mezzora di ritardo per “necessari e urgenti lavori di manutenzione tra le stazioni di Paderno-Robbiate e Calusco” per la corsa partita da Bergamo alle 6.20 e diretta a Porta Garibaldi. Il treno delle 7.42 in partenza da Seveso è in realtà partito da Palazzolo Milanese “a causa dell’eccessivo ritardo accumulato dal treno in arrivo da Milano Rogoredo”.Niente partenza dal capolinea, Bergamo, anche per la corsa 25826, partita dalla stazione di Ponte San Pietro e diretta a Porta Garibaldi: arrivata a destinazione con 14 minuti di ritardo “per le ripercussioni di un guasto agli impianti che regolano la circolazione dei treni lungo la linea”. Il treno 24231 da Seveso delle 9.42 diretto a Milano Porta Garibaldi “non riesce a partire” a causa di “un guasto a un altro convoglio sulla linea”, ovvero il 24222 diretto a Seveso da Milano Rogoredo, fermatosi alla stazione di Milano Bovisa per un guasto che ha reso necessario il suo trasporto in deposito.

E poi ancora: 13 minuti di ritardo per il treno 24923 da Saronno (ore 6.35) ad Albairate “per esigenze del regolatore della circolazione ferroviaria”. Niente convoglio per i pendolari brianzoli in partenza da Carnate e Arcore: il 24801 previsto alle 7.56 diretto nel capoluogo di regione è partito invece da Monza “a causa dell’eccessivo ritardo accumulato dal treno in arrivo da Milano” Un guasto agli impianti tra le stazioni di Lambrate e Centrale a Milano ha causato, a cascata altri ritardi e limitazioni: il treno 24926 non è mai arrivato a destinazione a Saronno, ma si è fermato a Seregno. Un guasto al treno ha causato una ventina di minuti di ritardo al 2726, da Camnago-Lentate (ore 8.20) a Milano Cadorna. La presenza di viaggiatori senza biglietto a bordo del treno 2730 (da Camnago-Lentate, ore 9.20) ha causato una sosta prolungata del convoglio a Seveso, da dove è ripartito con 1 minuti di ritardo sulla tabella di marcia.

Poi, lo sciopero. Dalle ore 03 di domenica 24 ottobre alle 2 di lunedì 25 è stato indetto uno sciopero che interessa esclusivamente il personale di bordo dei treni di Trenord. Sono quindi possibili ripercussioni sulla circolazione ferroviaria (esclusa la lunga percorrenza): il servizio regionale, suburbano ed il servizio aeroportuale potranno subire variazioni e/o cancellazioni. «Poiché lo sciopero avviene in una giornata festiva, non sono previste fasce orarie di garanzia - spiega Trenord in una nota -. Per i servizi aeroportuali, nel caso di cancellazione dei treni, potranno essere predisposti degli autobus sostitutivi: tra Milano Cadorna e Malpensa Aeroporto T1, senza fermate intermedie. Da Milano Cadorna gli autobus partiranno da via Paleocapa 1; tra Stabio e Malpensa Aeroporto T1, senza fermate intermedie. Maggiori dettagli saranno disponibili sul sito www.trenord.it o seguendo gli aggiornamenti sulla circolazione dei treni in tempo reale, tramite la nostra app. La compagnia invita a prestare attenzione sia gli annunci sonori trasmessi nelle stazioni che alle informazioni in scorrimento sui monitor».


© RIPRODUZIONE RISERVATA