Quanto è difficile prendere un treno

Biglietteria a singhiozzo a Monza

Quanto è difficile prendere un treno  Biglietteria a singhiozzo a Monza

Assomiglia più ad un orario di una gioielleria che a quello di un servizio pubblico l’orario adottato da Trenitalia per la biglietteria della stazione cittadina, che nel periodo dal 9 al 23 agosto è aperta dalle 8.30 del mattino a mezzodì per poi riaprire alle 12.45 e chiudere alle 16.30, mantenendo “ovviamente” l’infelice chiusura festiva.

Assomiglia più ad un orario di una gioielleria che a quello di un servizio pubblico l’orario adottato da Trenitalia per la biglietteria della stazione cittadina, che nel periodo dal 9 al 23 agosto è aperta dalle 8.30 del mattino a mezzodì per poi riaprire alle 12.45 e chiudere alle 16.30, mantenendo “ovviamente” l’infelice chiusura festiva. Al di là che questi orari di sportello sono determinati dalla scarsità del personale ferroviario presente, un fatto ormai endemico per la nostra stazione, il nastro orario appare del tutto slegato dalle esigenze dei monzesi pendolari, comunque presenti anche ad agosto. Né possono aiutare, almeno sino al prossimo lunedi 18 agosto, bar ed edicola che sono anch’essi chiusi. Non rimane così che affrontare le macchine automatiche, una possibile soluzione per biglietti semplici ma che si rileva inadeguata non appena si ha l’ardore di volersi fare un biglietto meno facile, tipo per l’Eurostar. Viene però da chiedersi se quest’ennesimo disservizio della stazione cittadina marcato Trenitalia sia ritenuto importante dall’Amministrazione Comunale che, partendo dal caso limite di agosto, dovrebbe affrontare di petto la questione “biglietteria”, sempre chiusa nei festivi mentre in settimana vede pochi addetti, sia pur volenterosi, tanto che non di rado la coda arriva in strada. Vittorio Arienti


© RIPRODUZIONE RISERVATA