Povertà educativa e famiglie fragili, Agrate Brianza lancia una comunità educante sovracomunale
Agrate, l’assessore Claudio Galli (Foto by Michele Boni)

Povertà educativa e famiglie fragili, Agrate Brianza lancia una comunità educante sovracomunale

In consiglio comunale votata all’unanimità una convenzione che il Comune va a siglare con le amministrazioni comunali di Vimercate e Bernareggio. I tre comuni parteciperanno anche a un bando governativo per le politiche familiari che mette a disposizione a livello complessivo un fondo da 15 milioni.

Agrate Brianza punta a creare una comunità educante per la città e aperta a tutto il territorio circostante facendo rete con le associazioni e le realtà del terzo settore da una parte e con le altre amministrazioni dall’altra. Venerdì sera 26 febbraio è stata presentata e votata all’unanimità la convenzione che il Comune va a siglare con altre due amministrazioni, Vimercate e Bernareggio.

«Si tratta fondamentalmente di un progetto per aiutare e sostenere minori con povertà educativa e le proprie famiglie fragili - ha spiegato l’assessore all’Istruzione Claudio Galli - creando una rete con tutti quei sodalizi e realtà del terzo settore impegnate in questa missione educativa su tutti i territori coinvolto. I tre Comuni che hanno deciso di convenzionarsi parteciperanno anche a un bando governativo per le politiche familiari che mette a disposizione a livello complessivo un fondo da 15 milioni di euro, dove in teoria ogni Comune può aggiudicarsi fino a un massimo di 350mila euro. Il progetto andrà comunque avanti anche qualora le tre amministrazioni coinvolte non dovessero ottenere alcuna forma di finanziamento».

Sempre nel corso dell’assise è stata vota una mozione presentata dal grillino Giuseppe Procopio per promuovere nel territorio comunale la creazione di Comunità energetiche e di Autoconsumo collettivo, con il coinvolgimento sia dei cittadini residenti e Pmi, anche valutando l’impiego di aree o edifici di proprietà comunale ponendosi come obiettivo la riduzione della povertà energetica oltre alla riduzione delle emissioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA