Monza per Lea Garofalo: staffetta di lettura partecipata dalla casa circondariale a San Fruttuoso
Monza Commemorazione Lea Garofalo (Foto by fabrizio radaelli)

Monza per Lea Garofalo: staffetta di lettura partecipata dalla casa circondariale a San Fruttuoso

Il Gruppo di lettura San Fruttuoso e il Gruppo scambio libri di Sant’Albino organizzano una staffetta di lettura partecipata per ricordare Lea Garofalo, uccisa il 24 novembre. L’appuntamento è per il 27 novembre, i partecipanti potranno anche lasciare un pensiero per la figlia Denise che compie trent’anni.

San Fruttuoso ricorda e racconta la vita e la morte di Lea Garofalo, collaboratrice di giustizia, assassinata dai suoi famigliari il 24 novembre del 2009.

Proprio mercoledì 24 novembre, alle 11, a dodici anni dal suo omicidio, i cittadini di San Fruttuoso si daranno appuntamento davanti al cimitero del quartiere dove è riportata una targa in sua memoria, a poca distanza dal luogo dove vennero trovati i resti. Un’iniziativa voluta e organizzata dal Gruppo di lettura San Fruttuoso, in collaborazione con il Gruppo scambio libri di Sant’Albino, che hanno pensato di ricordare Lea Garofalo attraverso una staffetta di lettura partecipata.

Il 27 novembre, dalle 14 alle 17, i cittadini che vorranno partecipare all’evento potranno alternarsi nella lettura del libro di Marika Demaria, autrice di “La scelta di Lea. La ribellione di una donna alla ‘ndrangheta”. Una lettura a tappe che partirà dalla casa circondariale di Monza per arrivare fino a San Fruttuoso.

«Quello della Demaria è un testo che abbiamo letto il mese scorso all’interno del Gruppo di lettura – racconta Giustina D’Addario, tra le promotrici dell’iniziativa - Abbiamo voluto condividere questa esperienza con il resto della città, onorando così l’anniversario della morte di Lea Garofalo con un momento collettivo».

Ma non solo. Quest’anno Denise, la figlia di Lea Garofalo, che ancora oggi vive sotto scorta, compie trent’anni. A lei il Gruppo di lettura San Fruttuoso vuole scrivere una lettera d’auguri collettiva.

«A quanti interverranno alla staffetta di lettura in memoria di Lea chiederemo di lasciare un pensiero. Poi li raccoglieremo e ne faremo una lettera che sarà inviata a Denise – aggiunge D’Addario - È un messaggio di speranza e vicinanza a lei ma anche a tutte le vittime di violenza e a quanti vivono sotto scorta perché hanno deciso di seguire la strada della legalità. È significativo che questa nostra iniziativa capiti nella a pochi giorni dal 25 novembre, la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne».

Tutte le informazioni sulle tappe della staffetta di lettura e sulle iniziative promosse dal Gruppo di lettura sono disponibili sulla pagina Facebook Gruppo di lettura San Fruttuoso – Monza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA