Monza, ottimismo per il ponte chiuso di via Colombo: «Speranze almeno per pedoni e ciclisti» - FOTO
Monza Prove carico ponte via Colombo (Foto by Fabrizio Radaelli)

Monza, ottimismo per il ponte chiuso di via Colombo: «Speranze almeno per pedoni e ciclisti» - FOTO

FOTO Le prove di carico - Il ponte di via Colombo, chiuso al traffico veicolare e pedonale dal 19 settembre, è stato sotto esame per buona parte di mercoledì 3 ottobre: i risultati, attesi tra un paio di giorni, potrebbero portare alla riapertura del transito ciclopedonale.

«Vogliamo essere ottimisti. Fino a quando, però, non avremo in mano gli esiti definitivi e potremo esprimerci con ragionevole certezza, non possiamo sbilanciarci»: parola del vicesindaco Simone Villa. Il ponte di via Colombo, chiuso al traffico veicolare e pedonale dal 19 settembre, è stato sotto esame per buona parte di mercoledì 3 ottobre: i risultati, attesi tra un paio di giorni, potrebbero (il condizionale è d’obbligo) portare alla riapertura del transito ciclopedonale.
Da metà mattina e fino al primo pomeriggio si sono svolte le prove di carico: sono state effettuate posizionando alcune vasche sul ponte, che sono state riempite in maniera progressiva fino a raggiungere un peso di 500 chili per metro quadro. Contemporaneamente i tecnici di 4Emme Service spa - l’azienda di Bolzano che nel corso dell’estate ha realizzato le indagini infrastrutturali richieste dall’amministrazione - hanno allestito sul letto del Lambro in secca un laboratorio mobile e hanno rilevato le deformazioni che man mano si producevano. A sorvegliare le operazioni anche la protezione civile comunale.

GUARDA LE FOTO Le prove di carico

«Resta intanto sicuramente interdetto, fino a data da destinarsi, il passaggio alle auto e agli altri mezzi pesanti - ha proseguito Villa - per cui saranno necessarie ulteriori indagini. A breve approfondiremo la questione. Una volta in possesso dei risultati dell’indagine potremmo renderci effettivamente conto dell’entità del danno, delle tempistiche necessarie alla realizzazione degli interventi e, soprattutto, dei costi». Commercianti e ristoratori della zona, con il fiato in sospeso da ormai due settimane, incrociano le dita.


© RIPRODUZIONE RISERVATA