Monza, niente fondi per l’ex scuola Borsa: studenti e docenti sabato in piazza
Monza, l’edificio dell’ex scuola civica Paolo Borsa (Foto by Fabrizio Radaelli)

Monza, niente fondi per l’ex scuola Borsa: studenti e docenti sabato in piazza

Il 30 aprile manifestazione e lezioni all’aperto per dire che la Regione deve stanziare i fondi per l’ex Borsa. Punto. Firmato Comitato Genitori, rappresentanti degli studenti, comitato didattico e scientifico, consiglio di istituto del liceo artistico Nanni Valentini.

La Regione deve stanziare i fondi. Punto. Firmato Comitato Genitori, rappresentanti degli studenti, comitato didattico e scientifico, consiglio di istituto del liceo artistico Nanni Valentini. Ovvero l’Isa, la scuola d’arte che da pochi giorni ha saputo che nemmeno nel 2016 arriveranno i fondi promessi un anno fa dal Pirellone per riparare l’ex Borsa, l’ala che si affaccia su via Boccaccio, indispensabile per i programmi didattici della scuola, ridotta a un fatiscente scheletro dopo i crolli e l’abbandono di alcuni anni fa.

LEGGI La Regione rinvia di un anno i fondi per l’ex Borsa di Monza: niente cantieri

“Nel 2007, amministrazione Faglia, l’accordo per la destinazione all’Isa di Monza dell’edificio della contigua ex scuola Borsa, con il restauro di una prima diecina di aule, sembrava aver definitivamente risolto i problemi di spazio dell’Istituto - scrivono dalla scuola - Purtroppo però, già nel 2012, la colpevole assenza di semplici manutenzioni, provocò il cedimento del tetto, e la conseguente inagibilità, del fabbricato”.

Da allora, nonostante sforzi e promesse, non è più cambiato nulla e non lo farà prima del 2017: per questo “è necessario però un ultimo sforzo: i progetti sono pronti, la Regione Lombardia, oggi riconosciuta come coproprietaria dell’immobile deve stanziare i fondi. La situazione deve essere sbloccata”.

Studenti e docenti tornano in piazza: “Il 30 aprile si svolgerà una manifestazione nelle piazze, con lezioni all’aperto, coinvolgimento della cittadinanza e raccolta di firme. La scuola, i genitori e gli studenti, innanzi tutto, vogliono rivolgersi a tutti i cittadini e a tutti i rappresentanti politici locali e chiedere il loro appoggio perché non si tratta di una richiesta di parte ma la soluzione di un problema centrale per Monza”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA