Monza, bufera sui vigili: dopo il comandante, c’è un procedimento anche  per il suo vice
Monza: conferenza stampa Allevi - Arena sul caso polizia locale dopo il consiglio comunale (Foto by Fabrizio Radaelli)

Monza, bufera sui vigili: dopo il comandante, c’è un procedimento anche per il suo vice

Un uragano? No, due. Il sindaco Dario Allevi nelle ultime ore ha chiesto di avviare una seconda procedura disciplinare e anche questa volta di mezzo ci sono i vertici del comando della Polizia locale.

Un uragano? No, due. Il sindaco Dario Allevi nelle ultime ore ha chiesto di avviare una seconda procedura disciplinare e anche questa volta di mezzo ci sono i vertici del comando della Polizia locale.

Il fatto che sta gettando ulteriore benzina sul fuoco del comando riguarda la presenza di una delegazione ufficiale ai funerali del padre della compagna del comandante Piero Romualdo Vergante. In altre parole, due agenti erano presenti in forma ufficiale alle esequie. Solo che di questa delegazione comunale, il Comune non sapeva nulla. In primis, il sindaco e in seconda battuta l’assessore alla Sicurezza.

LEGGI Concorso dei vigili in consiglio comunale a Monza, il sindaco Allevi: «Fiducia nel comandante minata»
LEGGI Monza, congelato il concorso per sei nuovi vigili: «Stiamo facendo verifiche»

Il fatto è emerso la prima volta lunedì sera durante il consiglio comunale a porte chiuse che si doveva occupare del concorso vinto dal figlio della compagna del comandante. È qui che a presentare un’interrogazione sull’uscita dei vigili è stato il gruppo del Movimento 5 Stelle.

«Nel profondo rispetto delle persone coinvolte – recita il documento – questa interrogazione vorrebbe conoscere se corrisponde al vero che questa amministrazione nei giorni scorsi abbia presenziato ufficialmente ai funerali di una persona la cui unica relazione con la città di Monza parrebbe quella di essere il padre dell’attuale compagna del comandante della polizia locale Vergante».
L’interrogazione, chiesto conto della delegazione, procede poi nel dettaglio: «Se è vero che sia stata inviata una pattuglia – prosegue il documento – fuori regione a presenziare alle esequie, da chi sia stata autorizzata la trasferta e con quali motivazioni e, da ultimo, il totale dei costi di tale trasferta».

Ad almeno due domande è stato possibile in queste ore trovare risposta. A darla è lo stesso sindaco Dario Allevi dopo la convocazione del segretario generale incaricato di sentire il vicecomandante. Dal confronto è emerso che il fatto è successo e «all’insaputa del comandante Vergante. La cosa grave – precisa il sindaco – è che tutto questo è avvenuto senza nemmeno un ordine scritto, una cosa che non sta né in cielo né in terra».

VAI Le dichiarazioni del sindaco Dario Allevi sul Cittadino in edicola giovedì 12 luglio (anche digitale)


© RIPRODUZIONE RISERVATA