Monza, app per non udenti per comunicare con i vigili nelle emergenze
Il municipio di Monza (Foto by Fabrizio Radaelli)

Monza, app per non udenti per comunicare con i vigili nelle emergenze

La giunta di Monza ha approvato il protocollo d’intesa che permette di attivare una app per i non udenti che permetterà loro di comunicare con la Polizia locale in caso di emergenza

Dopo Muggiò e Desio anche Monza vara un nuovo servizio per chi non sente. La giunta, infatti, ha approvato il protocollo d’intesa, della durata di cinque anni, tra il Comune di Monza e l’associazione «Emergenza Sordi APS» che prevede l’uso di Telegram, un’app di messaggistica per smartphone, ideata per dare la possibilità ai non udenti di comunicare con la Polizia locale in caso di emergenza.

«L’obiettivo di questo progetto – spiega l’Assessore alla Sicurezza Federico Arena - è creare un “ponte” di comunicazione tra i sordi e il Comando di via Marsala in caso di incidenti e emergenze».

Si potrà lanciare un «SOS» in caso di necessità (per truffe, incidenti, furti, viabilità, abbandono di rifiuti e di animali, parcheggi) con la piattaforma Telegram, che permette la geolocalizzazione e quindi la possibilità che il segnale di aiuto venga raccolto dagli agenti (che riceveranno una formazione specifica) 24 ore su 24 sette giorni su sette.

«Esprimiamo la nostra soddisfazione per il risultato ottenuto grazie all’impegno di tutti per realizzare insieme alla Polizia Locale un progetto di comunicazione accessibile ed inclusiva, in ambito emergenziale, per le persone sorde della città di Monza, dichiara il Presidente “Emergenza Sordi APS” Luca Rotondi.

Per iscriversi al servizio Telegram è necessario compilare il modulo privacy, firmarlo e inviarlo, con una copia di un documento d’identità valido, all’indirizzo di posta elettronica [email protected] Seguirà una mail di conferma della Polizia Locale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA