Monza, ai giardini la prima ordinanza dei bambini: autore anonimo,  richieste chiare
Cartello ordinanza bambini fuori dai giardini di via Calatafimi e Pacinotti

Monza, ai giardini la prima ordinanza dei bambini: autore anonimo, richieste chiare

Sulle cancellate dei giardini di via Pacinotti e Calatafimi a Monza, nei quartieri San Carlo e San Giuseppe, è comparsa l’ordinanza dei bambini n.1: simile nei colori alle comunicazioni istituzionali, rivendica le ragioni dei più piccoli al gioco all’aria aperta contro le restrizioni delle normative anticovid.

Il cartello è tanto chiaro quanto misterioso: Ordinanza dei bambini numero 1. È comparso nei giorni scorsi sulle cancellate dei giardini di via Pacinotti e Calatafimi a Monza, nei quartieri San Carlo e San Giuseppe. Un avviso plastificato, simile nei colori scelti e nella grafica, ai cartelli utilizzati per gli avvisi istituzionali del Comune.

«Questo parco riapre (e non chiude più) per ragioni di necessità e salute – si legge - Vorremmo ricordare a tutti gli adulti, genitori, sindaci, capo di governo, insegnanti, dottori che noi bambini per crescere sani e forti e rimanere in salute fisica e mentale, abbiamo bisogno di giocare, socializzare, stare all’aria aperta, convivere e venire a contatto con virus e batteri».

Un cartello che non è passato inosservato e ha raccolto la curiosità di molti adulti e passanti. Giocare all’aperto ci consente di «non passare ore e ore davanti a tv, schermi e videogiochi. Noi siamo il futuro e vogliamo crescere sani e forti». Firmato: «Grazie i bambini».

Nessuno nel quartiere sa chi siano i veri autori dell’avviso, nemmeno i membri della consulta di quartiere sanno nulla. Chissà ora se gli amministratori prenderanno in considerazione l’ordinanza dei bambini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA