Mariani e M5S:

esposto contabile

Il sindaco Rossi

va dal prefetto

Tiziano Mariani, capogruppo di Noi per Seregno in Consiglio comunale, e Marco Fumagalli, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, hanno presentato martedì un esposto alla Corte dei conti per chiedere la verifica di eventuali danni erariali nell’operazione di integrazione societaria tra Aeb ed A2A. «Invitiamo tutti gli esponenti delle forze politiche ad apporre la propria firma -ha spiegato Fumagalli- affinché siano accertate le responsabilità ed in modo che violazioni di legge di questo genere non possano più verificarsi in futuro».

Il focus si è poi allargato a più ampio raggio: «Purtroppo, le notizie che giungono sulla fusione tra Lgh ed A2A e sull’acquisto da parte di Cem dell’inceneritore di Trezzo sull’Adda, che non erano passate da alcun consiglio comunale, evitando il rischio di una possibile impugnazione, analoga a quella di Mariani a Seregno, destano forte preoccupazione per l’operato di alcuni enti locali brianzoli. Esorto quindi i sindaci neo eletti a revocare le delibere, attraverso le quali è stato dato avvio all’integrazione con A2A, determinando di fatto una sfiducia nei confronti del consiglio di amministrazione di Aeb».

Per parte sua il sindaco Alberto Rossi lunedì è stato ricevuto, insieme all’assessore Pinuccio Borgonovo, al segretario comunale Alfredo Ricciardi ed al dirigente comunale Pietro Cervadoro, dal prefetto Patrizia Palmisani, che già aveva incontrato le minoranze consiliari. «L’incontro è stato proficuo -ha commentato Rossi- caratterizzato dal massimo rispetto istituzionale, nella condivisa volontà di approfondire nel modo più corretto i risvolti della questione ed affrontarli, per parte del Comune, secondo i migliori princìpi di legalità sostanziale. Dal prefetto abbiamo ricevuto grande attenzione, nella consapevolezza che la nostra vicenda abbia risvolti assolutamente peculiari sotto il profilo normativo e giurisprudenziale».n P.Col.


© RIPRODUZIONE RISERVATA