Limiti all’azzardo, Monza vince ancora al Tar (ma non è finita)
Monza - Slot machine

Limiti all’azzardo, Monza vince ancora al Tar (ma non è finita)

Il Tar non concede la sospensiva di fronte al ricorso di un pub contro l’ordinanza che limita gli orari per le slot machine in vigore a Monza: la partita passa all’esame definitivo.

Il Tar della Lombardia dà ancora ragione a Monza: non c’è motivo, dice il giudice amministrativo, per bocciare il provvedimento con cui l’amministrazione Allevi ha imposto dei limiti orari al gioco d’azzardo con le slot machine. La decisione viene riferita da Agipronews e riferisce dell’ordinanza con cui è stata respinta la richiesta cautelare di sospensione presentata dai titolari di un pub. Per il giudice, «a un sommario esame il ricorso non è assistito dal requisito del fumus boni iuris».

LEGGI l’ordinanza del sindaco

Rimangono quindi in vigore i limiti imposti da piazza Trento e Trieste per il gioco nei locali, che vanno dalle 23 alle 14: una decisione sarà presa quando il ricorso sarà preso in esame fino in fondo. «Nell’attuale momento storico - ha scritto il Tar - la diffusione del fenomeno della ludopatia in ampie fasce della società civile costituisce un fatto notorio, o comunque, una nozione di fatto di comune esperienza, come attestano le numerose iniziative di contrasto assunte dalle autorità pubbliche a livello europeo, nazionale e regionale»


© RIPRODUZIONE RISERVATA