Il Parco Valle Lambro  sulla schiuma nel fiume: «Segnalata agli enti competenti, ma ecco quando e perché può capitare»
Villasanta Monza Schiuma bianca nel Lambro (Foto by Michele Boni)

Il Parco Valle Lambro sulla schiuma nel fiume: «Segnalata agli enti competenti, ma ecco quando e perché può capitare»

Dopo le segnalazioni di presenza di schiuma nel fiume, il Parco Valle Lambro ha confermato di aver effettuato sopralluogo e fatto segnalazione agli enti competenti. Ma ha spiegato anche quando può capitare senza che si tratti di inquinamento.

Il Parco Valle Lambro interviene sulla presenza di schiuma sul fiume registrata nei giorni scorsi, principalmente nel tratto monzese. E spiega di aver fatto segnalazione agli Enti competenti (ARPA di Monza, Ufficio d’Ambito Territoriale Ottimale di Monza e Brianza, Provincia di Monza e Brianza e Brianzacque) per le verifiche e gli accertamenti del caso.

LEGGI Schiuma bianca sul Lambro, segnalazioni a Monza e Carate Brianza

“Sono pervenute nell’ultimo periodo diverse segnalazioni dai cittadini relative alla presenza di schiuma nel fiume Lambro, in particolare nel tratto monzese; tale fenomeno si è manifestato maggiormente nell’ultima settimana di agosto - fa sapere l’Ente - Il personale del Parco ha verificato direttamente sul posto quanto segnalato, appurando effettivamente nel tratto in questione una visibile fioritura schiumosa, senza rilevare odori particolari e/o colorazioni anomale dell’acqua, o situazioni particolari cui far risalire l’origine della schiuma”.

Quindi la decisione di procedere con la richiesta di accertamenti. E anche una spiegazione: “Si precisa ad ogni modo che tale fenomeno, in assenza di evidenti e manifesti episodi di inquinamento (ad esempio colorazioni anomale delle acque, odori di detersivo o profumo o di fogna particolarmente intenso e quindi non dovuti a stagnazione delle acque, schiuma con colorazioni arcobaleno), è riconducibile alla situazione di sofferenza idrica del fiume Lambro, dovuta alle scarse precipitazioni dell’ultimo periodo. In tali situazioni di “magra”, la schiuma rappresenta una manifestazione naturale dovuta ad una presenza ordinaria di tensioattivi, rilasciati dai depuratori a monte in base ai parametri di legge, e che si manifesta più a valle dove la corrente meno è turbolenta. In tali casi la schiuma si presenta giallastra, consistente e persistente, evidente a valle delle turbolenze, quindi di origine naturale. Tali situazioni si possono manifestare anche a seguito di una precipitazione, per il dilavamento di strade e campi e conseguente trasporto verso i corsi d’acqua del materiale accumulatosi nei giorni precedenti”.

Il Parco Valle Lambro ricorda che, in caso di sospetto inquinamento del fiume, è opportuno allertare il numero di emergenza ambientale della Sala Operativa della Protezione Civile della regione Lombardia (800061160), che provvede poi ad attivare le Autorità competenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA