«Ho sparato con la pistola per spaventare i ladri e sono stato denunciato»
Carabinieri

«Ho sparato con la pistola per spaventare i ladri e sono stato denunciato»

Esclusiva del Cittadino: un lazzatese già “visitato” dai ladri sente rumori sospetti, spara sei colpi di pistola in aria per farli scappare e chiama i carabinieri. «Mi hanno sequestrato l’arma: ora ho paura».

«Ho sentito dei rumori sospetti, erano ladri. Ho cercato di far scattare l’allarme, ma invano. Allora ho aperto la finestra e ho sparato. In aria, verso i campi. Sono riuscito a metterli in fuga». Questo il racconto di Massimo Baraldo, di Lazzate, raccolto in esclusiva dal Cittadino, in edicola giovedì 29 ottobre a Monza e in Brianza.

VAI Il Cittadino è in edicola e nello store online

L’uomo, che ha chiamato i carabinieri subito dopo il fatto, lunedì sera, è stato sottoposto a indagini per “esplosioni pericolose” - un atto dovuto da parte dell’Arma - e lamenta: «Mi hanno sequestrato l’arma e ora non posso difendermi. Ho paura per me e per la mia famiglia, anche perché abbiamo già subito tentativi di furto in passato. Mi ero procurato regolarmente un’arma proprio per sentirmi più sicuro. E se adesso dovessero tornare?».

Torna alla sera di lunedì, quando era in casa con la tv accesa e ha sentito rumori farsi sempre più insistenti, ma anche al secondo furto subito quando i ladri entrarono in una villetta apparentemente inespugnabile e nonostante la sua presenza.

Il racconto in prima persona della paura a dieci giorni dai fatti di Vaprio d’Adda, dove un pensionato aveva ucciso un ladro.

«Quello della corsa alle armi in genere è un problema di percezione sociale che genera ansia», ha commentato Massimo Clerici, professore associato di psichiatria dell’Università Milano Bicocca intervistato sull’argomento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA