Famiglie numerose a raduno

Duecento in arrivo dalla Brianza

Famiglie numerose a raduno  Duecento in arrivo dalla Brianza

Le famiglie numerose della Lombardia si ritroveranno domenica 30 marzo, dalle 9 del mattino alle 18 del pomeriggio alla scuola Santa Maria ausiliatrice, in via Sergnano 10 a San Donato Milanese. Un momento di riflessione e dibattito sulle (mancate) politiche famigliari, e un momento di svago per i più piccoli.

Le famiglie numerose della Lombardia si ritroveranno domenica 30 marzo, dalle 9 del mattino alle 18 del pomeriggio alla scuola Santa Maria ausiliatrice, in via Sergnano 10 a San Donato Milanese. Un momento di riflessione e dibattito sulle (mancate) politiche famigliari, e un momento di svago per i più piccoli.

Riceveranno il saluto dei presidenti nazionali del sodalizio, Giuseppe e Raffaella Butturini, dei fondatori del sodalizio Mario ed Egle Sberna. E, dopo pranzo, rifletteranno ed elaboreranno piattaforme su «Scuola e Famiglia» - grazie al contributo di Stefano Biavaschi, socio Anfn e insegnante: «Affido e Accoglienza» - grazie alla testimonianza di Gigi e Gabriella Santambrogio della comunità per minori «La Piroga» di Giussano (Monza); «Lavoro e Famiglia» - grazie ad un laboratorio guidato da Ugo Comaschi, ingegnere delle telecomunicazioni e responsabile di «caritativa al lavoro» e di Patrizio Abbiati, una laurea in filosofia e storia, presidente della onlus «Nuova Terra».

Infine su «Media e Social-Network» grazie al contributo di Chiara Sirianni, giornalista di Tempi. E mentre gli adulti ragioneranno su come cambiare verso ad una politica troppo spesso distratta nei confronti della famiglia, generatrice di futuro, ammortizzatrice sociale, luogo privilegiato della crescita di nuove generazioni, i bambini saranno seguiti in giochi di animazione dagli scout Agesci.

Dieci anni fa nasceva a Brescia l’Aassociazione nazionale famiglie numerose. Tra i fondatori, il deputato family-friendly Mario Sberna, noto per la sua scelta francescana di trattenersi dallo stipendio di parlamentare, 2.500 euro – la stessa cifra che percepiva prima di entrare in politica – e di destinare tutto il resto a quelle famiglie che non arrivano a fine mese.

Nata intorno a poche decine di famiglie, l’associazione conta oggi 15.600 famiglie associate in tutta Italia, per un totale di oltre 110mila cittadini. E rappresenta una delle associazioni di famiglie più vivaci nel nostro Paese. Il suo osservatorio politico ha elaborato decine di emendamenti per un fisco più a misura di famiglie con figli, portate in parlamento. I suoi coordinatori si fanno promotori di reti di famiglie, ascoltando, incoraggiando, sostenendo i nuclei extralarge.

In Lombardia è rimasto il cuore della associazione: sono oltre 2600 le famiglie associate in

questa regione, presenti in provincia di Milano (719), Brescia (648, qui è rimasta la sede

nazionale), Bergamo (291), Monza Brianza (194), Varese (175), Como (155), Sondrio (124),

ma anche a Lecco, Cremona, Pavia, Mantova e Lodi.

Info e modulo di iscrizione: Famiglia Mauri di Carate Brianza adpier.mauri@gmail.com


© RIPRODUZIONE RISERVATA