Effetto Grecia sulla Provincia: Monza e Brianza sempre più a rischio default
Monza, Gigi Ponti e Roberto Scanagatti (Foto by Fabrizio Radaelli)

Effetto Grecia sulla Provincia: Monza e Brianza sempre più a rischio default

Atene, Tsipras e la Grecia. Certo. Ma in Brianza il rischio default è più vicino di quanto si pensi e riguarda la provincia, dove mancano sempre 9 milioni per chiudere il bilancio. Anche dopo le missioni al Viminale, che hanno regalato due emendamenti ad hoc.

È ancora allarme rosso sul bilancio preventivo 2015 della Provincia di Monza e Brianza. Per questo mercoledì l’amministrazione provinciale è tornata a Roma, al Viminale, per illustrare l’iniquità del taglio di 19 milioni applicato sulle finanze dell’Ente: un Ente che si trova ad affrontare uno squilibrio di 8.393.194 euro per garantire lo svolgimento delle funzioni fondamentali per l’anno in corso.

VAI ALL’EDICOLA ONLINE Il primo piano sul Cittadino di giovedì 9 luglio 2015: i numeri e le interviste a Pier Attilio Superti e Carlo Lottieri, la proposta di Paolo Piffer

La delegazione della Provincia, accompagnata dalla senatrice Lucrezia Ricchiuti, ha contestato nuovamente il metodo impiegato per calcolare l’importo dei prelievi sugli Enti di area vasta, chiedendo la disponibilità a riconsiderare il “caso MB”.

«È vero che la maggior parte delle Province sono sull’orlo del dissesto e che la situazione di emergenza è generalizzata – ricorda il presidente Gigi Ponti – Ma è anche vero che i criteri applicati per la ripartizione dei prelievi fanno della Brianza la Provincia più penalizzata d’Italia: proprio noi che abbiamo applicato una spending review rigorosa fin dal primo giorno e che scontiamo anche la fase di startup».

«Siamo riusciti a rappresentare la specificità del “caso MB”, anche grazie alla collaborazione di tecnici ministeriali molto qualificati – spiega il vicepresidente Roberto Invernizzi – Così abbiamo sintetizzato in due emendamenti ad hoc le necessità dell’Ente per confermare i servizi per l’anno 2015: gli emendamenti saranno proposti alle Camere in sede di conversione del Decreto Enti Locali».

L’obiettivo è riuscire a modificare, attraverso gli emendamenti, il testo del decreto legge Enti Locali approvato qualche settimana fa dal Governo: una strada per la quale la senatrice Ricchiuti e l’onorevole Roberto Rampi hanno già dimostrato il proprio impegno e disponibilità.

Il dissesto degli enti intermedi è aggravato dai costi del personale: da gennaio il Governo non trasferisce il denaro per gli stipendi dei dipendenti, tra cui quelli della Polizia provinciale e dei centri per l’impiego, che secondo la Delrio dovrebbero passare ad altre istituzioni e che continuano a essere retribuiti dalle province.

E se davvero si andasse incontro a un fallimento? Nessuno sa bene cosa succederebbe: la normativa prevede che, in caso di mancata approvazione del bilancio, i prefetti nominino un commissario che sani il passivo. A quel punto, allora, qualcuno suppone che lo Stato pagherebbe decine di funzionari in tutta Italia per svolgere un compito che i presidenti di Provincia effettuano gratuitamente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA