Cosa c’è su il Cittadino di giovedì 18 aprile 2019
Prima pagina il CittadinoMb giovedì 18 aprile 2019 (Foto by Chiara Pederzoli)

Cosa c’è su il Cittadino di giovedì 18 aprile 2019

Sul Cittadino di giovedì 18 aprile 2019 l’arresto di sei ragazzi della “gang del centro” che per mesi ha seminato violenza a Monza e l’inaugurazione della nuova Questura. E poi il quarto inserto storico dedicato ai 120 anni del giornale.

Gli anni dal 1920 al 1929, un decennio di antitesi, il fascismo (e le conseguenze per giornale e tipografia), l’autodromo di Monza, la morte del (futuro) beato Luigi Talamoni: allegato gratuitamente al Cittadino di giovedì 18 aprile c’è il quarto inserto sulla storia di Monza e Brianza, e d’Italia, letta attraverso il giornale.

Prima pagina il CittadinoMb giovedì 18 aprile 2019

Prima pagina il CittadinoMb giovedì 18 aprile 2019

Un salto in avanti di quasi un secolo. Rapina, tentato omicidio, lesioni. Sono alcuni dei capi di imputazione per sei ragazzi di Monza e provincia che per mesi hanno occupato il centro città seminando violenza. È la notizia di apertura del giornale (i video su www.ilcittadinomb.it) e una prima risposta ai tanti problemi che per tanto tempo hanno tenuto banco anche intorno al municipio.

Ma la sicurezza da qualche giorno ha un’arma in più: è nata la Questura di Monza. Nel giornale in edicola un ampio reportage dell’inaugurazione con il ministro degli Interni Matteo Salvini (su www.ilcittadinomb.it i video della giornata).

VAI ALL’EDICOLA DIGITALE

Prima pagina il CittadinoMb giovedì 18 aprile 2019

Prima pagina il CittadinoMb giovedì 18 aprile 2019

E c’è di più. Il Cittadino è in grado di raccontarvi che c’è già un futuro per l’ex commissariato di viale Romagna e che la Finanza presto si trasferirà da via Manzoni a piazza Diaz. Nota dolente. La Finanza sarà ancora in affitto ma da vent’anni esiste un progetto mai portato a termine: quello all’interno dell’area ex IV Novembre. Sono passati vent’anni, è cambiato il secolo, sono passati cinque sindaci ma una soluzione non è stata trovata.

Nuove pagine del caso migranti a una settimana dalla notizia della chiusura dell’hub per i profughi : la Rete Bonvena che ha gestito l’accoglienza per anni fa ricorso contro i bandi della Prefettura.

In cronaca anche la richiesta di condanna per Lady Sorriso, Paola Canegrati: 10 anni per le tangenti in sanità.

E poi la Villa reale di Monza si prepara a sbarcare su Google Arts and Culture, mentre ai giardini reali vengono testati i visori per la realtà aumentata.

La rubrica CentoVenti racconta l’eterna lotta per la salute pubblica che teneva banco anche nel 1899; “Un mese con Leonardo”, l’approfondimento lanciato dal Cittadino in occasione dei 500 anni dalla morte del genio, spiega lo strano caso dell’eredità del Salaì.

Nei quartieri scoppia il caso dei parcheggi per i residenti nella ztl chiamati a pagare un forfait annuale. E mentre le case comunali di via Bramante lamentano lo spaccio dietro le abitazioni, la ex Fossati Lamperti, altra zona problematica della città, trova nuovi inquilini: gli alpini della protezione civile.

In sport il conto alla rovescia per la semifinale Scudetto della Saugella Monza nel campionato di serie A di volley.

Nel CittadinoPiù l’intervista a Nando Dalla Chiesa sulla penetrazione delle mafie nelle imprese brianzole, in cultura la città si prepara ad affrontare un grande progetto dedicato all’acquerello.


© RIPRODUZIONE RISERVATA