Coronavirus, Fontana: «In Lombardia vale la nostra ordinanza e sulle uscite non cambia niente, numeri in linea di continuità»
Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia

Coronavirus, Fontana: «In Lombardia vale la nostra ordinanza e sulle uscite non cambia niente, numeri in linea di continuità»

Numeri nel rispetto della linea di continuità e, a proposito delle passeggiate genitori-figli, la rassicurazione che in Lombardia non cambia niente e che il ministero rivedrà la circolare. Lo ha detto il presidente della Regione Attilio Fontana.

«Per quanto riguarda i numeri, siamo nel rispetto della linea di continuità. Non c’è più un incremento e siamo in piano. Proseguiamo quindi nello sviluppo dell’ipotesi avanzata da tanti statistici, secondo i quali si è raggiunto il culmine, si proseguirà in questa direzione per un periodo e poi si inizierà la discesa. Quindi siamo contenti, ma invitiamo i cittadini a tenere sempre molto alta la guardia, a non abbassarla, altrimenti c’è il rischio che il contagio riprenda».
Lo ha detto nel corso della consueta comunicazione alla stampa il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana.

LEGGI La Brianza boccia le passeggiate autorizzate dal Viminale, il sindaco di Cavenago: «Farò quanto possibile per non permetterle»

E pre quanto riguarda la circolare del Ministero dell’Interno sulle passeggiate genitori-figli: «Ieri ho avuto un colloquio telefonico con il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, la quale mi ha spiegato che non intendeva raggiungere quello scopo e che oggi probabilmente farà uscire un comunicato in cui chiarisce il significato. In Lombardia non cambierà nulla rispetto a quello che è contenuto nella nostra ordinanza che ha valenza fino al 4 aprile. Se non c’è una motivazione valida e se non si rimane distanziati».


© RIPRODUZIONE RISERVATA