Coronavirus: dal Gruppo Desa di  Seregno  40mila euro alla terapia intensiva del San Gerardo
Marco Sala

Coronavirus: dal Gruppo Desa di Seregno 40mila euro alla terapia intensiva del San Gerardo

A comunicarlo il consigliere delegato Marco Sala che racconta anche come l’azienda ha affrontato l’emergenza:“Da subito con un orientamento preciso che seguendo le direttive governative ci porti alla massima tutela di tutti i collaboratori e alla salvaguardia della produttività aziendale”

“Da sempre il nostro gruppo, storicamente la famiglia Silva, è vicino alla Comunità. All’Ospedale San Gerardo a nome di tutti i collaboratori abbiamo donato 40.000 euro per l’acquisto di un letto attrezzato per la terapia intensiva e la stessa cosa abbiamo fatto a Caravaggio , dove abbiamo una seconda unità produttiva sostenendo l’ASST Bergamo Ovest con ulteriori 40.000 euro”. A comunicare la bella notizia è il consigliere delegato del Gruppo Desa di Seregno cui fanno capo tra le altre aziende RealChimica srl con i suoi marchi Chanteclair - Quasar e Italsilva con i marchi Spuma di Sciampagna e Sauber.

Ma come ha reagito all’emergenza una grande azienda come il Gruppo Desa? “Da subito con un orientamento preciso che seguendo le direttive governative ci porti alla massima tutela di tutti i collaboratori e alla salvaguardia della produttività aziendale” dice Sala,che assieme al fratello Giovanni ed alla famiglia Silva guida il Gruppo Desa.

Tra le azioni immediate attivate c’è stato il lavoro da casa: “attivando reti e strumenti perché più persone possibile potessero essere coinvolte - spiega Sala - Inoltre sono state adottate rigide regole per la parte logistica e produttiva come distanze, compartimentazioni precise, ingressi esterni regolati e contingentati, fornitura di misure di protezioni personali”.

Le risposte e reazioni da parte del mercato non sono preoccupanti: “In italia - spiega ancora Sala - i nostri clienti sono per lo più la grande distribuzione e catene specializzate che, pur con differenze fra le varie categorie di prodotti, stanno reagendo bene mantenendo buoni ordinativi in particolare degli sgrassatori Chanteclair tra cui il disinfettante e i lavamani Spuma di Sciampagna ; per quanto riguarda l’estero tra cui Francia dove abbiamo una sede e Cina dove esportiamo molti container il problema è tipicamente logistico“


© RIPRODUZIONE RISERVATA