Cadavere murato a Senago: chi è il presunto killer che ha assassinato Astrit a Muggiò
La villa di Senago dove è stato trovato il cadavere (Foto by Fabio Cavallari)

Cadavere murato a Senago: chi è il presunto killer che ha assassinato Astrit a Muggiò

La ricostruzione dell’omicidio a Muggiò di Astrit Lamaj, l’uomo trovato cadavere in una casa di Senago sei anni dopo l’omicidio.

A stringere attorno al collo della vittima il filo di nylon, nel garage di una villetta tra la caserma dei carabinieri e il cimitero di Muggiò, sarebbe stato lui, Giuseppe Cammarata, detenuto per reati di mafia in regime di 41 bis - il carcere duro - al penitenziario di Viterbo. È lui, secondo i carabinieri, uno dei tasselli decisivi che compongono il mosaico dell’assassinio di Astrit Lamaj, classe 1971, pregiudicato albanese di Genova che sarebbe stato strangolato sei anni fa, a Muggiò, e successivamente trasportato a Senago per essere gettato in un pozzo sotto a un muro di Villa degli Occhi, un residence di lusso.

LEGGI le ordinanze cautelari per i presunti assassini

Cammarata è stato raggiunto da ordinanza di custodia cautelare sabato scorso. Il giorno prima, la procura di Monza (pm Rosario Ferracane) che ha coordinato le indagini, aveva fatto eseguire 4 fermi nei confronti di di altrettanti indagati, tra cui spiccava la figura di Carmela Sciacchitano, ex amante della vittima, e presunta mandante dell’omicidio per motivi passionali ed economici. La ricostruzione dei fatti, che ha portato alla scoperta dei resti di Lamaj a gennaio, si basa sulle dichiarazioni (ancora al vaglio degli inquirenti) che Carmelo Arlotta ha iniziato a rendere mesi prima ai magistrati siciliani. Carmelo, oggi in carcere, viene dalla provincia nissena, ma per decenni ha vissuto a Muggiò con il fratello Angelo, anche lui accusato (assieme all’altro muggiorese Cosimo Serio) di aver preso parte all’omicidio. I due Arlotta sono finiti al centro delle cronache locali.

Si parla di loro nel 2015, per esempio, in relazione ad un arresto con accuse di turbativa d’asta, e tentata estorsione nei confronti di un uomo che si era aggiudicato a una vendita giudiziaria un capannone che era stato di loro proprietà. A luglio 2018, i carabinieri avevano dovuto faticare non poco per arrestare Carmelo Arlotta nella sua casa di via Montello, coinvolto in un’inchiesta di mafia della procura nissena. A dimostrazione ulteriore che il legame tra Muggiò e la provincia nissena, dove comanda il mandamento dei Cammarata (ritenuti dagli inquirenti fedeli a Riina e quindi “sanguinari” in puro stile corleonese) è molto forte. Lo stesso Giuseppe Cammarata, secondo quanto riferiscono fonti investigative, ha vissuto a Muggiò per un certo periodo.

GUARDA il video dei carabinieri

Era la sua abitazione quella in cui sarebbe stato ucciso l’albanese Lamaj, attirato in Brianza da Genova con la scusa di un appuntamento per una partita di droga. E durante la sua permanenza a Muggiò, i due Arlotta sarebbero stati a sua disposizione, in un ferreo legame tra compaesani. Cammarata, infatti, è considerato personaggio di spicco della cosca di Riesi, figlio del “boss” Pino, anche lui detenuto, ma a Sulmona, per fatti di mafia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA