Brugherio, anziana derubata da finti carabinieri: via oro, bancomat e 1000 euro
Meda: i carabinieri - veri - porta a porta contro le truffe agli anziani (Foto by Attilio Pozzi)

Brugherio, anziana derubata da finti carabinieri: via oro, bancomat e 1000 euro

Mentre a Meda i carabinieri - veri - vanno porta a porta per informare la popolazione più anziana contro le truffe, a Brugherio due finti militari hanno messo a segno un colpo da 1000 euro.

Si sono spacciati per carabinieri indossando una pettorina con la relativa scritta sotto al giubbotto. E così hanno convinto un’anziana ad aprire la porta di casa, a Brugherio. «Potrebbe esserci stato un furto in casa sua» avrebbero detto alla vittima per poi confonderla, distrarla e rubarle l’oro e il bancomat. E dileguarsi, la scorsa settimana, con mille euro in contanti e i gioielli di famiglia della vittima.

Il meccanismo è quello già visto che fa leva sul senso di soggezione di molti anziani davanti a esponenti delle forze dell’ordine.

LEGGI Meda: i carabinieri vanno porta a porta contro le truffe agli anziani
LEGGI Monza, si spacciano per i carabinieri a difesa dai ladri: ottantenne sventa la truffa
LEGGI Truffatore in azione ad Arcore: raggira coppia di anziani e scappa con 300 euro

MEDA CARABINIERI CAMPAGNA TRUFFE ANZIANI

MEDA CARABINIERI CAMPAGNA TRUFFE ANZIANI
(Foto by Attilio Pozzi)

La donna, classe 1944, residente in viale Lombardia, è stata avvicinata sulla porta di casa da due sconosciuti in pieno giorno. I due uomini, entrambi italiani, sui 30-40anni, si sono qualificati come carabinieri e hanno poi finto di parlare alla radio con la centrale operativa.

Dall’altra parte la voce di un uomo, che dava istruzioni. Una volta dentro casa, i due malviventi si sono separati, uno con la donna, l’altro girava per casa e metteva sottosopra i cassetti, per cercare oggetti di valore, ma anche per simulare il disordine e suffragare la messinscena del furto appena perpetrato.

Con insistenza hanno convinto la vittima a tirare fuori il portafogli e le hanno sottratto il bancomat e un foglietto sul quale teneva scritto il codice.

A nulla sono valsi i tentativi della donna (ormai insospettita) di reimpossessarsi del maltolto. Pochi istanti dopo i balordi si sono allontanati suggerendo alla signora di recarsi dai carabinieri di Monza per la formale denuncia.

Loro invece hanno compiuto poche centinaia di metri e hanno prelevato con il bancomat della vittima mille euro in contanti che si aggiungono ai gioielli sottratti da casa.

Torna puntuale l’appello delle forze dell’ordine, in casi di questo genere, a non fare entrare in casa nessuno, nemmeno sedicenti carabinieri, senza chiamare prima il 112 per avere una conferma.


© RIPRODUZIONE RISERVATA