Blitz antidroga a Monza: otto giovani identificati, Nost in azione col drone - VIDEO
Monza blitz Nost droga via Giovanni delle Bande nere

Blitz antidroga a Monza: otto giovani identificati, Nost in azione col drone - VIDEO

Operazione antidroga della polizia locale di Monza a Sant’Albino: gli agenticon i colleghi dell’Ufficio di Polizia Giudiziaria, supportati dalle riprese dall’alto di un drone e dall’unità cinofila, hanno identificato otto giovani (uno minorenne).

Il fuggi fuggi generale verso la strada, lungo il canale, già piena di agenti. E allora uno sterza e si butta nel campo di granoturco adiacente, come una furia, cercando una improbabile via di fuga prima di venire a sua volta bloccato. Sono le immagini aeree riprese da un drone del blitz che venerdì a Monza ha portato a identificare otto ragazzi italiani, tra i quali un minorenne, che avevano allestito un angolo nascosto nella boscaglia, nel quartiere Sant’Albino, in via Giovanni delle Bande Nere, con un tavolino e un tendone improvvisato, probabilmente per spacciare droga lontano da occhi indiscreti. Gli agenti del Comando della polizia locale di via Marsala – otto quelli del Nost (Nucleo operativo sicurezza tattica) e dell’Ufficio di Polizia Giudiziaria, supportati dalle riprese dall’alto di un drone e dall’unità cinofila impegnati - ne hanno trovate modeste quantità. Tracce di cannabinoidi in uno zaino, probabilmente svuotato prima dell’intervento come anche il portafoglio. Identificati un ragazzo di 17 anni e altri di età compresa tra 18 e i 22 anni residenti a Monza e Brugherio.

Il gruppo era dotato anche di ricetrasmittenti, e ciò fa sospettare che ci fossero delle “vedette” appostate ai margini della zona per avvisare i “compari” al tavolino. Il blitz è scattato dopo numerose segnalazioni dei residenti e dopo aver messo sotto controllo l’area agricola, vasta e “protetta” dalle piante di granoturco e da una fitta boscaglia.

Monza blitz Nost droga via Giovanni delle Bande nere

Monza blitz Nost droga via Giovanni delle Bande nere

Gli agenti sono penetrati nel campo simultaneamente da due punti, da via Sardegna e da via Giovanni delle Bande Nere. I ragazzi presenti hanno provato a darsi alla fuga, alcuni a bordo di un ciclomotore e di una bicicletta, altri a piedi. Gli agenti ne hanno subito fermati cinque e dopo oltre mezz’ora, individuati grazie alla presenza del cane antidroga Narco, altri tre che si erano nascosti nel campo. Oltre ai tavolini, sedie e un telo come tettoia sono state rinvenute un’accetta, un forcone, una ricetrasmittente accesa, uno zaino abbandonato con evidenti tracce di sostanze stupefacenti, un portafoglio vuoto e modeste quantità di sostanze stupefacenti. Una seconda ricetrasmittente è stata ritrovata in una zona più lontana dall’area, accesa sullo stesso canale dell’altra.

La polizia locale ha provveduto a dare notizia della presenza della presunta “centrale dello spaccio” all’Autorità Giudiziaria mediante apposita comunicazione a carico di ignoti. Al termine dell’attività della Polizia Locale l’area è stata ripulita e sgomberata dall’operatore del servizio di igiene urbana. Soddisfatto l’assessore alla sicurezza Federico Arena: «Investire risorse per dare alla polizia locale nuovi strumenti tecnologici per migliorare l’efficienza e la preparazione delle nostre donne e uomini in divisa significa investire sulla sicurezza dei cittadini. In questa operazione l’appoggio del drone è stato decisivo».

Monza blitz Nost droga via Giovanni delle Bande nere

Monza blitz Nost droga via Giovanni delle Bande nere


© RIPRODUZIONE RISERVATA