Blitz antibracconaggio a Vimercate: quattro denunce, sequestrati tordi protetti
Operazione antibracconaggio polizia provinciale: il riproduttore di richiami

Blitz antibracconaggio a Vimercate: quattro denunce, sequestrati tordi protetti

Blitz antibracconaggio con quattro denunce da parte degli agenti della polizia provinciale e Carabinieri forestali di Carate Brianza a Vimercate.

Agenti della polizia provinciale e Carabinieri forestali di Carate Brianza in azione nel fine settimana per un blitz antibracconaggio che si è concluso con quattro denunce.

In località Montalino, vicino al confine con Usmate, sono stati scoperti alcuni capanni di caccia rustici dove venivano nascosti, e poi utilizzati, mezzi e strumenti vietati come il richiamo elettronico. Dopo alcune indagini, gli agenti hanno sorpreso quattro uomini in flagranza di reato ponendoli in stato di fermo con successiva denuncia. Sono stati sequestrati cinque fucili, 12 tordi bottaccio (specie protetta) e uno strumento elettronico per la riproduzione di richiami sonori per la fauna migratoria.

Carabinieri forestali procione a Milano

Carabinieri forestali procione a Milano

A Milano invece, nel quartiere Baggio, i carabinieri forestali di Magenta e personale Ats hanno sequestrato un procione detenuto da una donna straniera come animale “da compagnia” in un piccolo appartamento in condominio. Il procione è un animale classificato da apposito Decreto del Ministero dell’Ambiente come specie pericolosa e ne è vietata la detenzione anche perché può essere portatore sano di malattie quali rabbia e leptospirosi.
I carabinieri avevano avviato le indagini dopo numerose segnalazioni della donna con l’animale (spaventato) al guinzaglio, anche al tavolo di un ristorante.

Carabinieri procione Milano

Carabinieri procione Milano


© RIPRODUZIONE RISERVATA