Auto pirata travolge cinque auto, muore un ragazzo di 15 anni a Monza, la mamma è in coma al Niguarda (FOTO)

Auto pirata travolge cinque auto, muore un ragazzo di 15 anni a Monza, la mamma è in coma al Niguarda (FOTO)

È caccia all’auto che via Brianza a Monza, domenica mattina, ha causato un gravissimo incidente in viale Brianza. Coinvolte 5 auto. Un ragazzo di 15 anni di Villasanta è morto.

Un pirata della strada ha travolto cinque auto a Monza uccidendo un ragazzo di 15 anni, Elio Bonavita di Villasanta, e ferendo gravemente la madre. Le altre tre persone coinvolte nell’incidente, di 36, 38 e 40 anni, sono state ricoverate al San Gerardo. L’incidente è avvenuto verso le 10 di domenica mattina in via Brianza, la provinciale che collega Monza a Vedano. Sul posto sono intervenute tre ambulanze, automediche, vigili del fuoco e polizia locale. Gli investigatori stanno esaminando le telecamere di sorveglianza per riuscire a identificare l’autista fuggito.

LEGGI Caccia all’auto pirata di Monza: si cerca un suv Audi Q5 color argento

Elio Bonavita, la giovane vittima di Villasanta

Elio Bonavita, la giovane vittima di Villasanta

Il ragazzo e la donna erano a bordo della loro auto che si è scontrata frontalmente con una vettura che ha invaso la loro corsia di marcia, in viale Brianza. Secondo alcuni testimoni oculari una macchina di grossa cilindrata, probabilmente un suv, è uscito a forte velocità da via Ramazzotti senza dare la precedenza. Da Vedano stava giungendo una Range Rover che, per evitare l’impatto, ha sterzato bruscamente a sinistra, finendo nell’altra corsia. Qui la macchina ha sbattuto contro una Citroen C1 guidata dalla mamma del giovane Elio Bonavita, seduto sul posto del passeggero, che stava andando alla partita domenicale della sua squadra, La Dominante. L’impatto è stato terribile: la C1 è letteralmente volata in aria, finendo addosso ad altre due macchine. La jeep ha poi impattato con la quinta macchina. Per il ragazzo non c’è stato nulla da fare mentre la madre è stata ricoverata in coma all’ospedale Niguarda di Milano, intubata e incosciente. Mentre madre e figlio stavano raggiungendo in ambulanza gli ospedali, sul luogo dell’incidente è arrivato il padre che, per la disperazione, ha incominciato a prendere a calcia e pugni l’auto. Ora si stanno guardando i filmati delle telecamere di sicurezza della zona per cercare di capire la direzione di fuga, e soprattutto cercare di leggere la targa, dell’auto che ha causato la tragedia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA