Americano trovato morto a Vimercate: 38 anni, era riverso a terra in bagno
Vimercate ragazzo morto Torri Bianche

Americano trovato morto a Vimercate: 38 anni, era riverso a terra in bagno

Impiegato statunitense di un’azienda multinazionale di Milano. La tragica scoperta è stata fatta venerdì mattina 6 agosto verso le 9.40 dai sanitari del 118, allertati dai vicini che bussando alla porta dell’uomo non ricevevano alcuna risposta

Trovato privo di vita un 38enne americano in un appartamento della Torre Magnolia nel quartiere Torri Bianche di Vimercate. La tragica scoperta è stata fatta venerdì mattina 6 agosto verso le 9.40 dai sanitari del 118 allertati dai vicini che bussando alla porta dell’uomo non ricevevano alcuna risposta. Il corpo è stato rinvenuto esanime nel bagno dell’appartamento del secondo piano dove l’impiegato statunitense di un’azienda multinazionale di Milano risiedeva da qualche mese. I paramedici giunti sul posto con un’auto medica e un’ambulanza in codice rosso non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso, mentre i Carabinieri che si sono presentati ai piedi della palazzina con due volanti hanno aperto le indagini per capire le cause della morte del 38enne, anche se da una prima ricostruzione sembra molto probabile un suicidio. Nelle prossime ore molto probabilmente si potranno conoscere maggiori dettagli sul caso seguito dagli inquirenti. Quel residence purtroppo non è nuovo a inattese e tragiche scomparse. Solo un anno fa a giugno 2020 sempre la Torre Magnolia che contiene appartamenti del vicino Cosmo Hotel era stato teatro di un altro improvviso decesso. In quel caso la vittima era stata la 19enne Dina Azad residente con la famiglia a Casatenovo, ma originaria del Bangladesh che aveva deciso di trascorrere un weekend in compagnia del fidanzato nel residence delle Torri Bianche. La ragazza era precipitata dai piani più alti della palazzina. I sanitari avevano subito prestato soccorso alla ragazza priva di sensi che era stata trasferita in codice rosso all’ospedale di Vimercate, dove era spirata poco dopo a seguito dei traumi causati dal violento impatto con l’asfalto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA