26 febbraio 1977, ore 13.15: un boato e la chiesa di San Biagio a Monza collassa (e finisce anche sull’Herald Tribune)
La chiesa di San Biagio crollata nel 1977

26 febbraio 1977, ore 13.15: un boato e la chiesa di San Biagio a Monza collassa (e finisce anche sull’Herald Tribune)

Sono passati 44 anni dalla crollo della chiesa di San Biagio di Monza, annunciata da sinistri scricchiolii che la magistratura di allora archiviò decidendo che non ci fossero problemi strutturali. Era il 26 febbraio 1977.

I monzesi meno giovani sicuramente conservano il ricordo di quello strano sabato 26 febbraio 1977. Alle 13.15 con un gran boato la vecchia chiesa di san Biagio, in via Prina a Monza, era crollata, anzi collassata, all’improvviso. Era un edificio settecentesco che era stato costruito in un quartiere già popoloso e vivace all’epoca. Infatti, in un documento stilato dal notaio Francesco Antonio Fossati si legge che la chiesa che già esisteva era “insufficiente per la popolazione della parrocchia” ed era quindi necessario un nuovo luogo per il culto.

C’è anche da ricordare che la parrocchia di san Biagio era stata l’ultima ad essere fondata nella seconda metà del Cinquecento da san Carlo Borromeo. Negli anni Settanta del secolo scorso esisteva già l’attuale chiesa ma alla vecchia costruzione, non più aperta al culto, i sambiagini erano molto legati. C’è chi dice di aver avvertito in precedenza degli strani scricchiolii, chi non si è mai accorto di nulla.

Monza crollo chiesa San Biagio su Herald Tribune (edizione 28 febbraio 1977)

Monza crollo chiesa San Biagio su Herald Tribune (edizione 28 febbraio 1977)

A qualche settimana di distanza emerse che un mese prima dell’incidente era stato effettuato un sopralluogo tecnico che aveva escluso pericoli di cedimenti strutturali tant’è che l’indagine aperta dalla magistratura fu archiviata. Comunque, il crollo e l’enorme polverone che si era sollevato avevano sconvolto l’intero rione e tanti monzesi che, pur residenti in altri quartieri, guardavano con venerazione a quell’antica parrocchia. In un primo momento si temette che qualcuno fosse rimasto sotto le macerie. I vigili del fuoco scavarono alacremente alla ricerca di possibili vittime ma le uniche a rimetterci furono solo alcune automobili parcheggiate nei pressi. L’ora di pranzo aveva sicuramente evitato la presenza di persone.

L’allora parroco don Mario Tomalino disse che “se non si è fatto male nessuno è un miracolo di san Biagio”. In piedi rimasero solo il campanile, poche strutture dell’abside e della facciata e la parte iniziale della navata che poi vennero demoliti. La notizia fu riportata non solo su il Cittadino ma fece il giro della stampa nazionale e persino d’oltreoceano. L’Herald Tribune pubblicò la notizia lunedì 28 febbraio con una fotografia dell’Associated Press. Per ricordare la vecchia chiesa don Tomalino fece togliere dalle pareti rimaste in piedi gli affreschi che furono recuperati e poi collocati nella nuova chiesa parrocchiale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA