25 aprile 2018 a Monza e in Brianza: commemorazioni e iniziative per la Liberazione
MONZA 25 aprile (Foto by Fabrizio Radaelli)

25 aprile 2018 a Monza e in Brianza: commemorazioni e iniziative per la Liberazione

25 aprile 2018, anniversario numero 73 della Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazifascista. Il programma delle celebrazioni a Monza e in Brianza: appuntamenti ufficiali in tutti i Comuni; in più mostre, incontri, fiori, pedalate.

25 aprile 2018, anniversario numero 73 della Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazifascista. Il programma delle celebrazioni a Monza e in Brianza: appuntamenti ufficiali in tutti i Comuni; in più mostre, incontri, fiori, pedalate.

SCOPRI Tutti gli appuntamenti sul sito della Provincia MB

Monza. Prevista alle 9 una messa nella cappella del cimitero urbano di viale Ugo Foscolo (chi avesse bisogno di un passaggio può approfittare del bus in partenza alle 8.45 da piazza Carducci). Al termine della celebrazione, alle 9.40, trasferimento al campo dei caduti della Resistenza, alla Stele Anei in memoria dei caduti nei lager nazisti e, infine, al campo dei caduti di tutte le guerre per la tradizionale deposizione di corone.

Le celebrazioni entreranno nel vivo durante la seconda parte della mattinata, nel cuore della città: partirà alle 11 da piazza Citterio, nei pressi di via Carlo Alberto, il corteo diretto a piazza Trento e Trieste. All’alzabandiera faranno seguito, intorno alle 11.30, i discorsi ufficiali da parte delle autorità. Pronti a prendere parola il presidente onorario di Anpi Lombardia Antonio Pizzinato e, in rappresentanza degli studenti monzesi del Mosè Bianchi, gli alunni delle classi quarte Paolo Mantegazza e Martina Romano. Seguiranno gli interventi del consigliere della provincia di Monza e Brianza Pietro Virtuani e, in chiusura, del sindaco di Monza Dario Allevi.

LEGGI Agrate Brianza, i bambini delle elementari cantano “Bella ciao”: un papà protesta

Il fiore del partigiano. Al cimitero di viale Ugo Foscolo altre iniziative si affiancheranno a quelle istituzionali: si tratta delle attività promosse da Anpi Monza, Anpi Monza e Brianza e Aned Monza e Sesto San Giovanni con la collaborazione di tante realtà antifasciste del territorio. Ecco allora che nell’ambito dell’iniziativa “Questo è il fiore del partigiano” dalle 9.30 alle 18 presso il campo dei partigiani è previsto un susseguirsi di “voci, volti e canti della Monza partigiana”.

Lo anticipano gli organizzatori, impegnati, già nelle scorse settimane, a portare avanti un progetto molto particolare: «Con “Adotta un partigiano” - hanno spiegato da Anpi Monza - abbiamo chiesto ai nostri soci di tenerne pulite le targhe e di deporvi regolarmente dei fiori. Lo scorso 7 aprile, poi, abbiamo dato appuntamento a soci e simpatizzanti per ripulire e lucidare le lapidi del campo dei partigiani proprio in vista del 25 aprile».

Il progetto prevede anche la catalogazione delle targhe che ricordano il sacrificio dei partigiani uccisi durante la lotta di Liberazione a Monza e in tutti gli altri luoghi in cui siano stati uccisi partigiani monzesi: tutte le informazioni su anpimonza.it. Ma le iniziative non finiscono qui.

Seregno. La Guardia di finanza sarà la prima attrice mercoledì 25 aprile del momento principale delle celebrazioni a Seregno. Alle 10.30 ne “L’Auditorium” di piazza Risorgimento, dopo la presentazione del volumetto “1948-2018: 70° anniversario. La Costituzione: finalmente!”, per volontà del Comitato antifascista che ricorda Pierino Romanò, il cui presidente Roberto Galliani ha curato in prima persona il programma, sarà attribuito il premio “25 aprile” alla memoria di Nino Noia, comandante del presidio locale della Guardia di finanza proprio nella primavera del 1945, il quale, con il sostegno di un drappello di colleghi e partigiani, bloccò un convoglio di militari tedeschi in uscita da Milano e diretto bellicosamente verso Seregno.

Noia, ormai deceduto, si è visto per questo intitolare la caserma di via Mameli nell’ottobre scorso. A seguire, nella galleria Mariani di via Cavour, è previsto il taglio del nastro della mostra “Seregno: dal fascismo alla Liberazione”, ricostruzione fotografica e documentale della storia cittadina di quel periodo, ispirata ai racconti di Gualtiero Guidi, un anziano seregnese che vive da tempo in Germania e che ha affidato a un libro di prossima pubblicazione i suoi ricordi di ragazzo di famiglia socialista.

La mattinata sarà introdotta alle 9 da una santa messa nella basilica san Giuseppe, con successivo corteo nel centro storico, con tappe al parco “25 aprile” ed in via Umberto I e meta in piazza Vittorio Veneto. Giovedì 26, alle 21, al cinema Roma, proiezione del film “La Testimonianza” di Amichai Greenberg.

Desio. Il 25 aprile alle 21 all’auditorium delle scuole medie Pertini di Desio, in via Santa Caterina, si terrà il concerto “Cantando con le aquile randagie: immagini, musiche e canti dello scautismo clandestino”. L’evento, che racconta la storia degli scout che si ribellarono al fascismo, è promosso dal gruppo Maschi Adulti degli scout di Seregno, in collaborazione con l’Anpi di Desio. L’ingresso è libero.

Meda. Celebrazioni con i tradizionali cortei e con una mostra dedicata al sottotenente Renzo Rho. Mercoledì 25 aprile, alle 10, in piazza Municipio si formerà il corteo che raggiungerà piazza Vittorio Veneto dove, alle 10,30, sarà celebrata la messa in santuario. Terminata la cerimonia religiosa è prevista la deposizione delle corone dei fiori al monumento ai caduti, seguita dal discorso delle autorità cittadine.

Anpi, in collaborazione con gli studenti del territorio, ha già inaugurato la mostra intitolata “Memoria e innovazione – storia biografica del Tenente Renzo Rho”. In civica Radio e aperta fino a sabato 28. Rho fu professore della scuola professionale di “Arti e Mestieri” di Meda e in tempo di guerra fu internato in Germania. Dopo le traversie della prigionia rientrò in Italia il 27 luglio 1945, ma provato nella salute morì nel 1950 a 37 anni.

Vimercate. Andrà avanti fino al 27 aprile la Festa della Liberazione a Vimercate quando in città saranno ospiti il partigiano monzese Egeo Mantovani, 96 anni e da un decennio presidente onorario dell’Anpi di Monza e Brianza, e la staffetta vimercatese Angelica Villa di 90 anni.

MONZA 25 aprile: Egeo Mantovani

MONZA 25 aprile: Egeo Mantovani
(Foto by Fabrizio Radaelli)

Con due degli ultimi testimoni brianzoli del 25 aprile 1945 che incontreranno venerdì gli studenti della scuola Calvino si chiuderanno le iniziative organizzate in città.

Martedì 24 aprile alle 21 all’auditorium della biblioteca le “Letture dalla Resistenza” a cui partecipano alternandosi in letture di scritti dei partigiani condannati a morte, lettere dal carcere di giovani vimercatesi e poesie di Alessandro Peducci, l’attore Alessandro Pazzi, Rita Assi presidente dell’associazione Fahrenheit451 e quattro studenti della classe 3M dell’istituto Einstein. Partecipa anche il gruppo di canto popolare “Il Portone” che eseguirà brani musicali e canti della Resistenza.

Il programma “Dare Futuro alla memoria” prosegue il 27 aprile quando, alle 10 all’auditorium della biblioteca, i ragazzi del “Progetto Memoria” della scuola Calvino incontreranno i due dei testimoni della resistenza brianzola.

Per la giornata del 25 Aprile è confermato il tradizionale cerimoniale curato dal Comune con le autorità cittadine. Si inizia alle 9.30 con il ritrovo in piazza Martiri Vimercatesi e la formazione del corteo che si muoverà verso il cimitero dove, alle 10 circa ci sarà l’omaggio ai Caduti. Alle 10.30 in piazza Unità d’Italia l’omaggio la monumento ai Caduti, seguita dalla commemorazione a Palazzo Trotti e alle 11.30 dalla messa nel Santuario Beata Vergine del Rosario. Quest’anno alle 12.30 c’è anche il “Pranzo Tricolore” organizzato dall’Anpi alla Trattoria Basilio (Piazza Castellana, prenotazioni: anpivimercate@gmail.com) mentre alle 17.30 ci sarà il concerto per la Liberazione delle “Terre miste” nella Corte d’onore di Villa Sottocasa con ingresso libero.

Nel Vimercatese. A Usmate Velate il ritrovo in municipio alle 10, a seguire trasferimento verso la stele di Alfonso Casati e poi al Cippo di Valaperta. Nel corso della mattinata ci sarà un intervento delle autorità e una deposizione di fiori nei luoghi del ricordo.

A Carnate l’appuntamento è invece alle 10.15 all’angolo tra via Pascoli e Libertà. Il corteo si sposterà alla chiesa e dopo la messa verranno deposte delle corone di fiori davanti al monumento dei caduti. Bernareggio festeggerà la Liberazione con un corteo in partenza dal municipio alle 9.15 e che prima alle 9.45 farà tappa a Palazzo Landriani, mentre alle 10 al cortile delle scuole medie. In entrambi i casi ci sarà una posa delle corone ed un momento istituzionale. Corteo anche ad Aicurzio con partenza alle 9.45 da piazza Brambilla. Alle 10 ci sarà la commemorazione di Luigi Brambilla e davanti cippo del partigiano Giovanni Bersan. Alle 11 invece, conclusi gli interventi delle autorità, ci sarà invece la messa a ricordo delle vittime.

A Sulbiate invece il ritrovo è alle 9.30 al municipio, dove il gruppo si incamminerà poi verso il cimitero dove ci sarà un momento commemorativo davanti alla cappella dei caduti. Mezzago ricorderà il 25 aprile partendo con il corteo da piazza Libertà alle 11. Il gruppo sosterà poi prima al monumento dei caduti e poi a quello del milite ignoto del cimitero, in entrambi i casi per una commemorazione.

Triuggio. Festa della Liberazione in bicicletta. Per la prima volta. Mercoledì il ritrovo è alle 10 alla Chiesa di San Biagio in via Don Sturzo. Da lì partirà la biciclettata verso il centro di Tregasio dove, in piazza Don Andrea Baj, sarà presentata la mostra “70esimo della Costituzione italiana” con gli elaborati realizzati dagli alunni delle scuole cittadine che saranno affissi su degli appositi pannelli. I più piccoli devono essere accompagnati da un adulto, parte del percorso da farsi in bicicletta sarà su strada sterrata.

Al termine delle letture proposte dai bambini il corteo, col bandierone tricolore, partirà a suon di musica alla volta della Baita degli Alpini. Lì si terranno l’alzabandiera e i discorsi delle autorità. Alle 12 la manifestazione sarà chiusa dalla risottata tricolore. La mattinata è organizzata dall’amministrazione in collaborazione con l’Istituto comprensivo, l’Associazione Combattenti e Reduci, il Corpo musicale Santa Cecilia e il Gruppo Alpini Tregasio. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Veduggio. Alla cerimonia partecipano i bambini delle elementari. Mercoledì si terrà la camminata non competitiva “Vado, vedo, vivo” organizzata per l’ottavo anno dai genitori e dalle insegnanti della scuola primaria Segantini. Le iscrizioni si tengono dalle 9 alle 9.30 in oratorio e, prima di partire per il giro del paese, i bimbi parteciperanno alle celebrazioni della Liberazione davanti al Monumento ai Caduti. La camminata inizierà quindi verso le 9.45 e attraverserà le strade di Veduggio con Colzano e dei paesi limitrofi (i camminatori troveranno un punto di ristoro a metà percorso). L’arrivo in oratorio è previsto per le 11.30 circa. L’iscrizione (2 euro a bambino, stessa quota per gli adulti ndr) darà diritto a una medaglia valida per il rinfresco che sarà allestito in oratorio. Nel pomeriggio, dopo il pranzo, i genitori organizzeranno numerosi giochi per far divertire i più piccoli e saranno estratti i biglietti vincenti della sottoscrizione a premi. In caso di maltempo la manifestazione sarà rimandata a domenica 27 maggio con partenza però dal centro sportivo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA