Pietro Addis è il nuovo direttore del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza

Pietro Addis è il nuovo direttore del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza

È Pietro Addis il nuovo direttore del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Il Consiglio di gestione ha ufficializzato l’assegnazione dell’incarico che, come prevede lo Statuto del Consorzio, è frutto dell’indicazione avanzata dal presidente di Regione Lombardia.

È Pietro Addis il nuovo direttore del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza. Il Consiglio di gestione ha ufficializzato l’assegnazione dell’incarico che, come prevede lo Statuto del Consorzio, è frutto dell’indicazione avanzata dal presidente di Regione Lombardia e condivisa dagli enti proprietari: i sindaci di Monza e Milano e il Ministero dei Beni Culturali. Prende il testimone da Lorenzo Lamperti.

“Il presidente del Consorzio Roberto Scanagatti, sindaco di Monza, nel formulare gli auguri di buon lavoro, si dice sicuro che il nuovo direttore saprà proseguire nel lavoro che è stato avviato e condotto in questi ultimi 5 anni volto a rilanciare l’intero complesso costituito dal Parco e dalla Villa, un patrimonio ambientale, storico e culturale di inestimabile valore per Monza e il territorio della Brianza. Il presidente Scanagatti, interpretando il pensiero unanime del Consiglio di Gestione, ha espresso un sincero e caloroso ringraziamento al dottor Lorenzo Lamperti per la professionalità, la competenza e l’impegno dimostrati”, fa sapere il Comune in una nota.

Pietro Addis, 58 anni, ha una formazione artistica, fino alla nomina è stato dirigente della struttura eventi e relazioni internazionali della Regione, ha partecipato all’organizzazione delle olimpiadi invernali di Torino 2006 e ha una mostra personale che si è da poco chiusa in Australia.

Tra i prossimi grandi eventi che avranno luogo nel parco, la messa di Papa Francesco in programma il 25 marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare