Donati a Seregno i paramenti  del cardinal Locatelli, amico di Pio XI
Il prevosto di Seregno, monsignor Bruno Molinari, con Franco Cajani, osservano il piviale indossato dal cardinal Achille Locatelli ( foto Volonterio) (Foto by Paolo Volonterio)

Donati a Seregno i paramenti del cardinal Locatelli, amico di Pio XI

Importante donazione recapitata a monsignor Bruno Molinari, perfezionata da Franco Cajani: sono arrivati paramenti e oggetti personali del cardinal Achille Locatelli, seregnese che dal 1935 riposa nella cappella sul fondo della Basilica San Giuseppe

Un’importante donazione è stata recapitata, nelle scorse settimane, a monsignor Bruno Molinari. Da Roma è giunto un pacco contenente i paramenti sacri e gli oggetti personali del concittadino cardinale Achille Locatelli che dal 5 aprile 1935 riposa nella cappella sul fondo della basilica san Giuseppe limitrofa a quella del Patriarca Ballerini. La donazione è stata perfezionata e resa possibile attraverso Franco Cajani, 74 anni, direttore de “i Quaderni della Brianza” e segretario generale del Cisd Pio XI di Desio, che da molti anni intrattiene speciali relazioni di ricerche storiche con l’archivista ora emerito, padre Mauro Mezzadonna, 89 anni del Pime.

Individuare gli oggetti: pianete, piviali, pastorale ed altro, non è statao facile in quanto negli anni si sono succeduto vari traslochi della Casa del Pime a Roma. Il cardinal Achille Locatelli è stato compagno di scuola ed amico personale e speciale di Pio XI, al secolo Achille Ratto, desiano, elevato alla porpora cardinalizia nel primo concistoro del suo pontificato. Locatelli nato a Seregno, aveva lasciato al Pime di Roma, nel 1935, la sua residenza romana (ceduta successivamente alla Svezia che ne ha fatto la sede della sua ambasciata) con gran parte del suo contenuto, elencato nelle note al testamento olografo pubblicato presso il notaio Buttaroni di Roma nei giorni 6 e 8 aprile 1935.

Padre Franco Legnani, rettore della Casa Generalizia Pime, ha acconsentito alla donazione ed ha inviato al monsignor Bruno Molinari questo lascito che consiste in un:pastorale cesellato, croce processionale, piviale rosso, quattro pianete ricamate (bianca, oro, rosso e rosacea), congolo speciale, tunicella, ferraiolo arcivescovile con calze rosse. Il rettore Legnani nella lettera accompagnatoria degli oggetti personali del defunto cardinale, ha scritto tra l’altro: “sappiamo che Lei, nell’archivio Capitolare, ha già allestito un angolo con i preziosi ricordi del Patriarca Paolo Angelo Ballerini, ed ora, con molto piacere, potrà allestire anche un angolo con questi ricordi pastorali d di un altro grande personaggio di Seregno, il cardinale Locatelli, del quale nella casa generalizia, abbiamo persino i mobili della sua camera da letto. Le chiediamo che questo gesto di gratitudine del Pime venga segnalato con una scritta presso gli oggetti, a perpetua memoria”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA