Sport e coronavirus, l’Italia si sfida con la Sovicese Challenge
CORONAVIRUS: SOVICESE CALCIO. I Pulcini della Sovicese (Foto by Elisabetta Pioltelli)

Sport e coronavirus, l’Italia si sfida con la Sovicese Challenge

I Pulcini della Sovicese hanno sbancato i social con la Sovicese Challenge: vengono filmati piccoli esercizi con il pallone che altri atleti devono ripetere. Grazie a facebook si sono fatte avanti tante altre società.

«Tutto è iniziato come un gioco, non ci saremmo mai aspettati una risposta di questo genere. Stiamo ricevendo video da tutta Italia, dal nord al sud, ma anche dall’estero. Ci ha contattato persino il Bellinzona Calcio, squadra svizzera che milita nella massima categoria, e siamo stati invitati in una trasmissione televisiva, Italia Sport Channel. Quando finirà l’emergenza Coronavirus, organizzeremo un torneo di beneficenza il cui incasso verrà devoluto all’ospedale San Gerardo di Monza».
Luigi Bottone, allenatore dei Pulcini della Sovicese, è l’ideatore di un’iniziativa che è diventata virale. Insieme al collega Mario Chieregati, insegna calcio ai più piccoli e lo ha fatto sino a quando è stato possibile, cioè sino a quando l’emergenza sanitaria non ha bloccato tutto. Adesso che i bambini sono in casa, serviva un modo per tenere viva in loro la passione (e anche la pratica) sportiva. E così, i due allenatori della Sovicese si sono inventati una sfida: la “Sovicese Challenge“. È molto semplice: i bambini da casa propongono un esercizio con il pallone e tutti gli altri lo devono eseguire. Il risultato? Per adesso è sorprendente: nelle prime 48 ore erano arrivati ai due allenatori oltre 180 video da tutta Italia e non solo. I contatti avvengono sulla pagina Facebook “Sovicese Challenge” e su Youtube.

«Da quando non è più stato possibile allenare i bambini, ho cercato di inventarmi qualcosa per farli giocare, seppur a distanza - spiega Luigi Bottone - e così, grazie alla collaborazione del collega Mario Chieregati, si è messo in piedi questa challenge calcistica: sono esercizi con il pallone e coinvolgono i bambini che su Facebook e Youtube possono caricare le loro gesta».

Uno dopo l’altro, i piccoli hanno seguito l’esempio del sovicese Pasquale di 9 anni, il primo a lanciare la sfida. E le adesioni continuano a crescere. Al momento le società che partecipano sono Sovicese, Boys Napoli, Virtus Favara, Scuola Calcio Aragona Soccer Club, Scuola Calcio Trinacria, Vis Nova, Casati Arcore, Favara Cademy, Scuola Calcio Rovigliano, Scuola Calcio Gioiosa Jonica, Fc Gattopardo Palmsport, Scuola Calcio Cuffaro, Scuola Calcio Leo Team Biassono, la società tedesca Kollerbech e le società svizzere Team Ticino Mendrisiotto e Team Ticino Locarnese.

Una catena di video e di messaggi che, grazie al calcio, consentono di allacciare amicizie virtuali che nel futuro potrebbero concretizzarsi in abbracci. La sfida ha un valore sportivo, ludico, ma anche solidale. Per il San Gerardo quando tutto sarà finito. Chi vuole aderire può farlo dai social oppure scrivere a [email protected]. Anche a colpi di hastag: #iostoacasa #andratuttobene e #stopcoronavirus.


© RIPRODUZIONE RISERVATA