Iscrizioni aperte alla FaiRun: la corsa che scopre i segreti e la storia di parco e autodromo
La sopraelevata (Foto by Andrea Barison)

Iscrizioni aperte alla FaiRun: la corsa che scopre i segreti e la storia di parco e autodromo

VIDEO - Torna la FaiRun, la corsa “culturale” che quest’anno va alla scoperta dei segreti del parco e dell’autodromo. Iscrizioni online fino al 9 giugno, gara (non competitiva) il 12.

Torna la FaiRun, la corsa non competitiva del Fondo italiano per l’ambiente di Monza e Brianza, alla scoperta di storia e cultura del parco e dell’autodromo. L’edizione 2016 è in programma domenica 12 giugno e prevede due percorsi, da 5 chilometri e da 10, negli spazi della reggia. Il percorso - spiegano gli organizzatori - toccherà i luoghi più significativi dei tracciati storici del Parco e dell’Autodromo: il Rondò della Stella, il Bosco Bello, il Roccolo, il Serraglio dei Cervi, i circuiti del 1922 e del 1955, l’ex ponte Campari (prima ponte Dunlop), il Circuito Florio, la Pista Pirelli, la Sopraelevata, il monumento a Fangio, i vecchi box, l’ex Palazzo Esposizioni (ora Museo della Velocità). Media partner dell’iniziativa è il Cittadino.

Tutto a partire da viale Mirabello, in prossimità del prato del Roccolo, alle 10. Le iscrizioni si possono fare entro la mezzanotte del 9 giugno sul sito mysdam.net , ritiro del pettorale (e ancora iscrizioni) sabato 11 al banchetto Fai in autodromo vicino al monumento a Fangio e nello stesso posto domenica 12 fino a un quarto d’ora dal via. Gratis fino a 12 anni, poi contributo minimo di 10 euro. I fondi raccolti dal Fai vengono utilizzati per finanziare il recupero di beni storici e architettonici in tutto il Paese.

«L’Autodromo nazionale di Monza costituisce un impianto per attività sportive e motoristiche dalle caratteristiche uniche al mondo - scrive la delegazione Fai Monza e Brianza - Realizzato 93 anni fa su una vasta area ricompresa nel Parco di Monza, ha dialogato con esiti alterni con gli elementi del Parco storico, ed è stato realizzato in gran parte su elementi che riprendono il progetto originario dell’architetto Luigi Canonica. La presenza dell’autodromo, modificato molte volte nel corso del secolo scorso, ha determinato una condizione in cui gli elementi dei tracciati e delle aree verdi dialogano tra loro costituendo un nuovo paesaggio con caratteristiche di grande interesse. Allo scopo di far conoscere le specificità di questo nuovo paesaggio e di mettere a disposizione dei visitatori gli elementi necessari per la comprensione di questo rapporto, la delegazione Fai Monza ha scelto di organizzare visite guidate a partire dalle ore 10 alle ore 18 del 12 giugno».

Sono coinvolte anche le scuole monzesi: gli studenti della 3a BL del liceo Carlo Porta,con la supervisione della docente Alessandra Cerreto, sono coinvolti in un progetto di alternanza scuola-lavoro con la Delegazione FAI Monza e affiancheranno, nella veste di apprendisti ciceroni, i volontari Fai e i componenti dell’associazione Amici dell’Autodromo e del Parco nelle visite guidate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA